lunedì, gennaio 16, 2017

 

Group leads ‘Dunkirk in reverse’ for Christians of Iraq, Syria

By Crux
John L. Allen Jr

As of early 2017, the question of whether Christianity will survive in Syria and Iraq seems a jump ball. Of late ISIS has suffered setbacks, but they’re down rather than out, and what the future may bring is anyone’s guess.
Yet one thing about the future can be said with absolute, metaphysical certainty: If Christianity does survive, it will be because of Aid to the Church in Need and a handful of other church-sponsored organizations who came to the rescue.
Note the lack of qualifying verbiage in that statement, such as “in part” or “to some degree.” There’s no “to some degree” in this case - as George Marlin, chairman of the board for Aid to the Church in Need in the U.S. puts it, “If the Church were not there, these people would be literally starving in the streets and dying.”
In effect, what Aid to the Church in Need (ACN) has been engaged in over the last five years is a sort of Dunkirk in reverse for the Christians of those two nations - rather than boat-lifting them out, ACN and others have been scrambling day and night to help them stay in place, delivering both emergency humanitarian assistance and also long-term support for reconstruction and sustainability of Christian communities.
“People are dying, kids are starving, people are being put into slavery,” said Marlin, who’s also author of “Christian Persecutions in the Middle East: A 21stCentury Tragedy,” trying to express the urgency of the situation.
Marlin said that anyone who can look at the drawings made by Christian children in refugee camps today, for instance, and not feel their heart shattering, simply doesn’t grasp the human drama of the situation.
“As Roman Catholics, we have an obligation to help our fellow Christians,” Marlin said. “If not us, who?”
Founded in 1947 in the rubble of post-war Europe, ACN’s original mission was to support the persecuted church behind the Iron Curtain at the explicit request of Pope Pius XII. Since the fall of the Berlin Wall in 1989 it’s expanded its scope to include support for suffering Christians everywhere, and today, above all, that means the Middle East.
In New York on Friday, I had the chance to sit down with Marlin; Brad Miner, another ACN board member; Sarkis Boghjalian, ACN’s national director; and Joop Koopman, ACN’s director of communications.
Between January 2011 and August, ACN has pumped around $45 million into relief efforts targeted at Christians in Iraq, Syria and Lebanon alone, paying for food, clothing, medicine, and shelter, as well as investing in micro-scale economic development to allow those Christians to envision a future.
In other large-scale crises, such contributions by faith-based groups would be an important but, relatively speaking, minor part of the overall humanitarian response, most of which would be funded by public-sector funds from organizations such as the UN, USAID, and so on.
Yet in the case of Iraq and Syria, almost none of the funding provided by those government sources actually reaches Christians, because it’s targeted at massive camps erected for refugees and internally displaced persons, and most Christians won’t go there because they fear the camps may be hijacked by Islamic radicals. The UN and USAID won’t give money directly to the local Christian churches, in part over the usual Western hang-ups about church/state separation.
In other words, groups such as ACN, Catholic Relief Services, and the Knights of Columbus (Crux’s principal partner) aren’t just taking part in the relief effort for Christians in Iraq and Syria - they are the relief effort.
The same holds true for local governments. Boghjalian explained that in Iraqi Kurdistan, the deal was explicit - Kurdish officials told Church leaders, “We’ll take care of the Muslims, you take care of the Christians.”
The Kurds have been willing to give Church leaders what they need in terms of zoning permits and freedom of action, Boghjalian said, but not a single cent in public money.
The bottom line, as Marlin colorfully puts it, is that were it not for church groups, “these people would be down a rathole.”
Big-picture, Miner was blunt about what he believes to be at stake.
“These are the oldest Christian communities outside Israel,” he said. “People need to understand that there really is a threat that these ancient communities will disappear from those homelands, and they are as much Christian homelands as they are Muslim.”
“They are profoundly at risk for disappearance,” Miner said, “in ways that are not pleasant.”
Marlin is a well-known figure on the New York scene, a former executive director of the Port Authority of New York and New Jersey and a onetime Conservative Party candidate for the city’s mayor.
He bristles at what he sees as a lack of outrage over the brutalities Christians and other minorities are enduring.
“Christian persecutions in the Middle East have been falling on deaf ears in the United States for the last two, three, four years,” he said. “We’ve had an administration in Washington that sort of looked the other way.”
He’s equally frustrated with what he sees as a tepid response from Church leaders - up to, and including, Pope Francis himself.
“I was frankly disappointed when he came to the United States, particularly when he spoke to Congress and the UN.,” Marlin said. “Here was an opportunity to make some very strong statements, it should have been an incredible part of his theme, and sadly it wasn’t.”
“I just don’t think he’s done enough,” Marlin said, vowing that he and ACN will continue to “bang the pots and pans” to bring attention to the issue.
Boghjalian explained that at the moment, ACN is participating in a joint effort with other donor agencies and also local church leaders in Iraq to develop a needs assessment, outlining what it’s going to take over the long term to make it possible for the country’s historic Christian communities to rebuild and to endure.
He estimates the price-tag could be in the neighborhood of $250 to $300 million, noting that everything is dependent on the security situation, and in the absence of a serious international strategy to guarantee peace, it’s difficult to plan for much of anything.
Marlin said there will have to be some kind of post-ISIS “Marshall Plan” for the Christians of the region.
In terms of the logic for mobilizing American support, Marlin says that beyond the spiritual or humanitarian arguments, there’s also a national security dimension. ISIS leaders have repeatedly vowed that they’re coming after the West, he said, so it comes down to a basic choice - we face them now in Iraq and Syria, preserving an alternative vision of the Middle East as a pluralistic culture in which minorities have a safe harbor, or eventually face them here.
“Christianity has been there for 2,000 years,” Marlin said. “It’s my hope, as it certainly is for the bishops there, that everyone doesn’t just disappear and it’s over.”
In the first place, the reason there’s even a nucleus of Christian life left in the two martyred nations of Iraq and Syria is because of the grit of the local Christians themselves, most of whom are conscious of their heritage and are willing to endure incredible hardship before they give it up.
In the second place, however, it’s because in a time of widespread indifference, a few determined groups have launched one of the greatest private rescue operations in Christian history, making it possible to at least ponder what might come next.
Churchill once referred to Dunkirk as a “miracle of deliverance.” What ACN and other groups are providing instead right now is in essence a “miracle of delay,” buying precious time for the rest of the world, including the international powers that be, to step up before it’s too late.
Here’s hoping their miracle won’t be in vain.

Leggi tutto!
 

Iraq: IS/Daesh booby-trapped toys to stop Christians returning

By Indipendent Catholic News

Extremists driven out of Iraq's the Nineveh Plains "riddled the region with land mines" and "put bombs in children's toys" according to a senior Catholic cleric.
Father Luis Montes, Latin Episcopal Vicar for Kurdistan, told Aid to the Church in Need: "Approximately 60 percent of the homes on the Nineveh Plains were burned down. The terrorists not only seized all of their belongings. They riddled the region with land mines."
He said that members of Daesh (ISIS) had also "put bombs in with children's toys" that would have exploded when people returned to their homes.
Father Montes added: "It is true that some people were able to return to their houses. However, they were only able to determine that they still exist. Because it is impossible to live there.He said: "The mines first need to be cleared out of the entire region. Only then can the villages be restored, and [then] from the ground up. Everything still needs to be done, the people have nothing left. Despite everything, Iraqis have lost neither their smiles nor their hope."
ACN's project partner, Fr Montes added: "When we received the news that Daesh was retreating, a spontaneous celebration broke out in the refugee camps.
"The people went out into the streets to dance and sing, as though they did not have any other problems in their lives."

He added: "They have not lost the hope of being able to return to their homes."
Despite the challenges, Fr Montes said the Iraqi Christians lived "not only in peace, but also with joy. "To talk about forgiveness with them is easy because they forgive without bearing a grudge. They are what gives us strength."
He thanked ACN's benefactors for their generosity, adding that the refugees "know that Christians from other countries have kept them alive. They always pray for their benefactors."
The priest asked for continued support this winter, stating that the pressing need for refugees in Erbil is for "blankets and more blankets" as the average temperature is -3°C.
The charity continues to respond to urgent requests for aid from the Church in Iraq.
Neville Kyrke-Smith, Aid to the Church in Need (UK) National Director, said: "The continued compassion of ACN benefactors is ensuring that these displaced suffering Christians can remain in Erbil until it is safe for them to return to practice their Catholic faith in their own villages and towns in the Nineveh Plains."
He added: "This month, the charity has approved a further urgent aid payment of more than £400,000 at this deeply difficult time to help thousands of displaced Christians and refugees in the Archdiocese of Erbil to ensure the Christian presence in northern Iraq."

Read more about Aid to the Church in Need here: http://www.acnuk.org
Source: ACN

Leggi tutto!
 

Mons. Nona: “A Mosul molti musulmani hanno collaborato con l’Isis, sarà difficile la convivenza religiosa”

By Zenit
Federico Cenci

Prosegue l’avanzata dell’esercito iracheno per liberare Mosul, seconda città dell’Iraq e baluardo dello Stato Islamico. Le forze speciali hanno dato l’assalto al complesso governativo della provincia di Ninive, al quartiere dell’Università e hanno raggiunto un altro ponte sul Tigri, detto Hurriya. A questo punto circa l’80 per cento di Mosul Est è stata liberata.
I contrattacchi degli jihadisti, ultimi colpi di coda prima della capitolazione, sono stati prontamente respinti dall’esercito. Liberata l’area dai terroristi islamici, sarà impervio ripristinare le condizioni per una pacifica convivenza inter-religiosa. La comunità cristiana è quasi completamente estinta: nel 2003, prima dell’invasione statunitense, i cristiani dell’arcidiocesi erano 35mila, nel 2014 si sono ridotti a 3mila e oggi, dopo l’aggressione dell’Isis, sono una presenza davvero sparuta.
Del futuro di questa terra Zenit ne ha parlato con mons. Emil Shimoun Nona, che nel 2010, quando fu chiamato ad occuparsi dell’arcidiocesi caldea di Mosul, divenne il più giovane arcivescovo della Chiesa cattolica. Oggi è arcivescovo emerito di Mosul e vescovo dell’eparchia di S.Tommaso apostolo di Sydney dei Caldei. In Australia sono tanti i profughi cristiani iracheni, ma mons. Nona mantiene i contatti telefonici anche con altre famiglie sparse in altre aree del pianeta.
Eccellenza, in queste ore concitate qual è lo stato d’animo dei cristiani originari di Mosul?
I cristiani di Mosul che sono dispersi in tutto il mondo ed alcuni anche in Iraq, attendono con ansia che l’esercito iracheno concluda la liberazione della piana di Ninive e la città di Mosul. Dopo la liberazione di alcuni villaggi cristiani hanno scoperto ciò che l’Isis ha fatto della nostra terra: ha distrutto quasi tutte le Chiese e la maggior parte delle proprietà dei cristiani sono state rovinate. Anche le infrastrutture di quest’area quasi sono non esistono più. Inoltre restano forti perplessità su come sarà possibile governare questa provincia una volta cacciato l’Isis, intendo dire dal punto di vista politico, economico e della convivenza etnica e religiosa. Ci sono vari interessi nazionali ed anche internazionali che influiscono a tal proposito. Quindi i cristiani stanno guardando con ben poca fiducia al futuro di questa zona storicamente cristiana.
Ma i profughi immaginano comunque di tornare a vivere a Mosul?
Non credo che i cristiani immaginano di tornare. Bisogna creare le condizioni adeguate ad una vita dignitosa, garantire i diritti umani. Parlando francamente, non ci sono tanti cristiani di Mosul in Iraq adesso. Una buona parte di loro sono adesso è emigrata oltreconfine, c’è il desiderio di crearsi una vita nuova dopo aver subito la persecuzione nel proprio Paese. I cristiani di Mosul profughi in Iraq sono un piccolo gruppo. Essi hanno iniziato a subire persecuzioni fin dal 2003, hanno resistito per anni, ma la conquista della città da parte dell’Isis è stato un colpo decisivo che ha indotto la maggior parte a fuggire.
Si parla di circa cento luoghi di culto danneggiati o demoliti dall’Isis a Mosul. È possibile creare di nuovo un’identità cristiana lì?
Ci piange il cuore, le chiese rappresentano il segno della nostra storia e della nostra partecipazione alla civiltà orientale dell’Iraq. L’identità cristiana c’è in ogni luogo in cui esistono discepoli di Gesù Cristo. Non è data dagli edifici ma dagli uomini. Quindi la risposta è sì, sarebbe ancora possibile ricreare un’identità cristiana a Mosul. Il problema, come ho detto prima, è che attualmente a Mosul mancano sia i cristiani sia le loro chiese. Se in futuro ci sarà la possibilità di tornare, sicuramente potremo creare di nuovo un’identità cristiana.
Sarà anche possibile ristabilire una convivenza pacifica e un rapporto di fiducia con i musulmani?
Devo confessare che non sarà facile tornare ad una convivenza pacifica con i musulmani in quelle zone. Purtroppo l’Isis ha goduto dell’appoggio della società civile: molti collaboravano con i jihadisti nelle loro azioni contro i cristiani, altri ancora partecipavano ai saccheggi delle nostre case. Si è creata una profonda ferita nell’animo dei cristiani. L’unica condizione per creare una convivenza sarebbe la presenza di uno Stato iracheno forte, in grado di difendere i diritti di tutti, in grado di garantire un’educazione ostile alla formazione di mentalità terroristiche.
Che futuro immagina per l’Iraq? Il patriarca Sako ha chiesto in una lettera che venga tutelata “l’unità nazionale irachena”…
Sinceramente non riesco ad immaginare che futuro sarò per l’Iraq, perché la situazione di questo è molto drammatica e complicata. L’Iraq dopo il 2003 è stato distrutto come Stato unitario e in un certo senso anche laico. Le condizioni di questo sfacelo sono state create però prima di quella data, per via di politiche sbagliate. L’unica speranza giunge dalla storia di questa terra: ogni volta che l’Iraq è caduto, è riuscito a rialzarsi. Speriamo che anche stavolta sarà in grado di ricominciare come Stato democratico e libero.

Leggi tutto!

venerdì, gennaio 13, 2017

 

Baghdad, il patriarcato caldeo lancia il “Consiglio delle Chiese d’Iraq”


Il patriarcato caldeo, su iniziativa del primate mar Louis Raphael Sako, lancia una proposta formale a tutte le comunità cristiane del Paese, finalizzata alla nascita di un “Consiglio delle Chiese d’Iraq”. I dettagli dell’iniziativa sono illustrati oggi in un comunicato ufficiale, pubblicato sul sito del patriarcato e inviato per conoscenza ad AsiaNews. Nel testo si spiega che l’organismo, con sede a Baghdad, “è un ente religioso che include le famiglie delle Chiese cattolica, assira, ortodossa ed evangelica presenti in Iraq”.
Fra gli obiettivi del futuro Consiglio delle Chiese d’Iraq la “promozione dello spirito di unità” fra le diverse realtà cristiane presenti nel Paese. E ancora, il “coordinamento” delle attività educative e sociali. La nota del patriarcato prosegue illustrando gli altri compiti dell’organismo: organizzare incontri di preghiera; unificare le posizioni e i discorsi riguardanti temi ed eventi di carattere nazionale, con una particolare attenzione alla giustizia sociale, all’uguaglianza e ai diritti dei cristiani. Un altro settore da approfondire secondo una visione comune è il dialogo con i musulmani e le altre fedi religiose presenti nel Paese; l’obiettivo di questo lavoro è la “promozione di una cultura di pace e di coesistenza armoniosa”.
Secondo le intenzioni, il Consiglio dovrebbe essere formato da due organismi. Il primo, esecutivo, formato dal patriarca caldeo, dal patriarca della Chiesa assira dell’est, dal patriarca della Chiesa antica dell’est, dal vescovo a capo della comunità siro-ortodossa. E ancora, dovrebbero essere presenti il vescovo siro-cattolico, quello armeno-ortodosso, il vescovo armeno-cattolico, il vescovo dei Latini, un rappresentante delle Chiese evangeliche, un esponente della Chiesa copta, uno della Chiesa greco-ortodossa e un greco-cattolico.
Il secondo consiglio, generale, sarà invece composto da tutti i capi delle Chiese e da tutti i vescovi delle rispettive comunità cristiane delle varie denominazioni e confessioni.
Nella nota del patriarcato caldeo si spiega che il Consiglio esecutivo si dovrebbe riunire “ogni tre mesi” e il Consiglio generale prevede almeno un incontro annuale. Le decisioni verranno prese con il voto favorevole della metà più uno dei partecipanti.
Le lettere ufficiali pubblicate dal nascituro “Consiglio delle Chiese d’Iraq” porteranno la firma del presidente del comitato; in caso di assenza, saranno firmate e pubblicate dal suo vice in carica.
Al vertice del Consiglio vi sarà il patriarca della Chiesa caldea; il vice sarà il capo della Chiesa assira dell’est o il patriarca della Chiesa antica dell’est o, ancora, uno dei leader delle Chiese locali con il più alto numero di fedeli (un nodo, questo della vice-presidenza, che andrà sciolto in occasione dell’incontro del Consiglio generale).
Definito il Consiglio e delineata la struttura, ora i vertici del patriarcato caldeo attendono risposte dai capi delle altre denominazioni cristiane presenti nel Paese. Nel momento in cui giungerà il via libera da tutti i rappresentanti si procederà alla ratifica formale; il Consiglio e il suo statuto verranno poi presentati al governo irakeno, al governo regionale del Kurdistan, alle Chiese e ai forum internazionali per il riconoscimento definitivo.

Proposal for the formation of Iraq's Churches Council

Leggi tutto!

mercoledì, gennaio 11, 2017

 

Sai perché i cristiani di Mosul andavano in giro con degli strofinacci per i piatti sulle spalle?

By Aleteia
Alexandre Meyer

Aleteia vi guida in un viaggio per conoscere i cristiani perseguitati del Medio Oriente, un percorso che ci porterà in Libano, Siria e Iraq. In Siria vedremo Mhardeh, un piccolo villaggio cristiano sepolto sotto i colpi dell’artiglieria di Al-Nosra; Homs, dov’è iniziata la guerra civile siriana, e Palmira, la perla del deserto siriano conquistata dallo Stato Islamico. In Iraq scoprirete la testimonianza dei rifugiati cristiani a Baghdad ed Erbil, la città fantasma di Qaraqosh, Al-Qosh, risparmiata per miracolo, e Mangesh, al confine con il Kurdistan. Scoprirete queste storie eccezionali seguendo le orme dei cristiani martirizzati immersi in una guerra senza fine.
Tra i cristiani siriaci, i vescovi indossavano solo la croce pettorale. Poi iniziarono a indossare un medaglione che rappresentava un’icona, appeso a una catena d’oro o d’argento portata al collo, nello stile bizantino. In Oriente, i vescovi e gli arcivescovi possono scegliere di indossare l’una o l’altra, o anche entrambe se si tratta di una celebrazione speciale. Solo il patriarca ne porta tre: un’icona su ogni lato della croce di Cristo.
 

Monsignor Nicodemus Daoud Sharaf, arcivescovo siro-ortodosso di Mosul, del Kurdistan e di Kirkuk, ha lasciato le insegne della sua consacrazione episcopale a Mosul, caduta nelle mani dello Stato Islamico. Non ha notizie da Mosul. Nutre una forte nostalgia per la sua città, la sua terra e tutta la sua storia passata, ma non gli manca quanto gli ultimi abitanti che sono rimasti lì…
Ha paura per le persone rimaste a Mosul?
Tutti i cristiani hanno lasciato la città nel 2014, quando si avvicinavano le truppe del Daesh. Quelli rimasti nella maggior parte dei casi le hanno accolte con favore, a volte a braccia aperte. Gli arabi musulmani sunniti che vivono lì sono così fanatici che potrebbero insegnare una o due cosette ai sauditi! Non accettano nessuno che non condivida i propri punti di vista. Bisogna ricordare che a seguito del colpo militare fallito del 1959, che ha avuto come epicentro Mosul, i cristiani hanno sperimentato le umiliazioni peggiori*. In città, di fronte a vari gruppi che cercavano di marcare il territorio e l’affermazione di un islam più radicale che sfidava il ““pericolo” secolare, i cristiani andavano in giro con uno strofinaccio per i piatti sulle spalle. Lo offrivano ai loro concittadini musulmani, che avevano preso l’abitudine di pulirsi le mani sugli abiti dei cristiani. All’epoca nessuno rispettava molto i “koufar” (i “non credenti”, o non musulmani, n.d.e.), e oggi non otteniamo molto più rispetto.
La situazione è peggiorata?
Fino a quando avevo 12 anni giocavo con un ragazzino del quartiere. Non sapevo nemmeno che fosse musulmano, così come a lui non sarebbe potuto importare di meno del fatto che io fossi cristiano. Un giorno suo padre è tornato da un pellegrinaggio a La Mecca e ha posto fine ai nostri giochi. “Non mi è permesso di giocare con un ‘koufar‘”, mi ha detto il mio amico. Deve capire che a Mosul – che l’esercito iracheno, sostenuto dalla coalizione, ha tanta difficoltà a riconquistare – 800 terroristi del Daesh hanno “convinto” 50.000 uomini a unirsi a loro per lasciarsi andare ai peggiori abomini: decapitare, stuprare, schiavizzare… Il terreno dev’essere stato fertile per permettere loro di unirsi così facilmente alla loro causa.
La coalizione è in grado di sradicare lo Stato Islamico?
I politici occidentali sono diabolici. Gli interessi di ogni parte sono così contraddittori che le loro possibilità di successo sono esigue. Chiediamo solo che le nostre leggi e la nostra dignità vengano rispettate. Ai tempi di Saddam Hussein la legge è stata imposta. Nella maggior parte del Kurdistan iracheno musulmano (dove i cristiani di Mosul hanno trovato rifugio vicino Erbil, n.d.e.), la legge ci difende e ci protegge perfino meglio che in qualsiasi altra zona dell’Iraq. Aspettiamo che si prendano decisioni per assicurare una protezione internazionale e regole stabilite dalle Nazioni Unite.
La coesistenza con i musulmani è ancora possibile?
Noi non odiamo i musulmani. Sotto la legge, come qui in Kurdistan, possiamo benissimo convivere. Solo l’islam come imposto dal Daesh è detestabile. Il loro Dio dev’essere davvero debole e codardo perché si sentano costretti a difenderlo in quel modo! Il nostro Dio ci protegge e ci proteggerà sempre. Come dico spesso, Dio non ha bisogno di uomini che si prendano la briga di mettere in pratica la sua giustizia, di agire come il suo braccio armato. Se pensate che qualcuno sia un miscredente e debba morire, lasciate che lo uccida Dio stesso! Vedremo chi morirà per primo.
Ha un messaggio per i cristiani occidentali?
Svegliatevi. Non fate entrare nei vostri Paesi rifugiati che ci hanno resi rifugiati qui. Il 24 novembre, a Londra è stata consacrata una nuova chiesa siro-ortodossa alla presenza del Principe Carlo. L’ambasciata ha rifiutato di concerdermi un visto, nel caso in cui non tornassi in Iraq. Sono residente permanente in Australia e ho i visti necessari per recarmi negli Stati Uniti, in canada e perfino in Francia. Perché sarei dovuto restare in Inghilterra quando la mia gente è qui e sta soffrendo?

* Il movimento arabo nazionalista e secolare guidato da generale al-Shawaf venne soppresso violentemente dal Governo comunista alleato dell’URSS di Abd al-Karim Qasim. Venne poi rovesciato durante la rivoluzione del Ramadan del 1963, quando il partito Ba’th, socialista e panarabo, prese il potere e si verificò l’ascesa di Saddam Hussein.


Leggi tutto!
 

I comunisti iracheni al Patriarca caldeo: grazie per il suo contributo alla riconciliazione nazionale


I comunisti iracheni rendono omaggio al Patriarca caldeo Louis Raphael I Sako, e lo ringraziano per il suo contributo alla riconciliazione nazionale e per il suo continuo sforzo di favorire il coinvolgimento di tutte le componenti politiche, etniche, sociali e religiose nella gestione delle istituzioni condivise. A comunicare la stima dei propri militanti al Patriarca è stata una delegazione di responsabili del Partito comunista iracheno, che hanno visitato la sede del Patriarcato caldeo lunedì 9 gennaio. In quell'occasione, la delegazione ha espresso anche le proprie felicitazioni al Patriarca per la già celebrata festa di Natale e per l'inizio del nuovo anno.
Fondato nel 1934, il Partito comunista iracheno ha avuto un ruolo rilevante nello scenario politico iracheno fino agli anni Settanta del secolo scorso, prendendo parte a quasi tutte le insurrezioni nazionali e alle grandi manifestazioni politiche succedutesi nel Paese negli anni Quaranta e Cinquanta. Poi, a partire dalla fin degli anni Settanta, soffrì una dura repressione da parte del regime di Saddam Hussein. Si oppose all'invasione USA dell'Iraq nel 2003. 

Leggi tutto!

martedì, gennaio 10, 2017

 

Iraq: l’esercito avanza a Mosul. Don Karam: non sarà facile ritornare


Le truppe governative irachene hanno riconquistato diversi quartieri orientali di Mosul, dove dal 17 ottobre è in corso l’offensiva per strappare la città al sedicente Stato Islamico. Tra le zone tornate sotto il controllo di Baghdad anche al Sukkar, un tempo abitata da famiglie cristiane. Intanto nelle aree tornate sotto il controllo di Baghdad nella piana di Ninive si contano i danni della furia jihadista, secondo un funzionario del Kurdistan sono stati distrutti almeno 100 luoghi di culto, in gran parte cristiani. Ma sulla situazione nel nord dell’Iraq e nei villaggi  cristiani liberati, Marco Guerra ha intervistato don Karam  Najeeb, collaboratore di ‘Aiuto alla Chiesa che soffre’ e sacerdote della diocesi di  Alqosh:

L’esercito sta liberando alcuni paesi che si trovano proprio nella Piana di Ninive, in cui vivevano più di 120 mila cristiani, che sono stati forzati a lasciare tutta la Piana di Ninive. Quello che sta accadendo adesso rappresenta certamente una speranza, perché stanno liberando… Ma, purtroppo, quando vediamo quello che hanno lasciato sia l’esercito iracheno che quelli dell’Is: c’è solo tanta distruzione! Migliaia di case sono state bruciate; anche alcune chiese sono state bruciate, altre chiese sono completamente distrutte e saccheggiate… Sicuramente abbiamo bisogno di tanto tempo per ricostruire tutto questo. Le famiglie non possono assolutamente tornare adesso! Ad esempio nel mio paese, così come in altri paesi della Piana di Ninive,  perché si trovano al confine tra l’esercito del governo iracheno e l’Is: c’è una distanza di soli tre chilometri… In questo caso è impossibile tornare, perché ogni volta ci sono nuove battaglie. Non dimentichiamo che in questi due anni l’Is ha  anche realizzato tanti tunnel…
Anche Mosul è interessata dai combattimenti e alcuni quartieri sono stati riconquistati. C’è la volontà di tornare in città da parte dei cristiani?
Sì, sicuramente! Lì i cristiani avevano delle case e tanti di loro erano docenti all’università ed erano indipendenti dal governo. E quindi tanti hanno il desiderio e l’interesse a tornare. Il problema è invece come potranno vivere con queste persone, che sono musulmane: non dimentichiamo che tanti nostri vicini ci hanno derubato, ci hanno minacciato e ci hanno obbligato a lasciare il nostro paese, la nostra casa. Hanno rubato tutte le nostre case! E questo è certamente difficile. Ma è anche importante ritornare in quelle terre, in cui siamo presenti da oltre duemila anni e anche se i nostri padri e i nostri nonni hanno vissuto una tragedia, che non è certo di questi giorni: i cristiani hanno vissuto una tragedia in questo secolo e che va ancora avanti oggi, perché sempre sono esistite queste persecuzioni.  Ma noi abbiamo sempre questo grande amore per la nostra terra e sempre cerchiamo di ritornare e di ricreare una realtà di pace con gli altri, così come ci ha insegnato il nostro Signore Gesù: noi diamo amore anche ai nostri persecutori…
Certo, il nord dell’Iraq è una delle aree storiche di presenza del cristianesimo fin dagli albori: i cristiani possono essere un collante della società irachena in queste regioni?
I cristiani hanno sempre rappresentato quelle persone che hanno dato – e che continuano a dare - questa speranza a tutti gli altri cittadini dell’Iraq. Ma la difficoltà è di vivere con persone che non ci vogliono bene e che tante volte cercano di cancellare la nostra stessa esistenza in quella terra: la nostra esistenza in quella terra è molto importante, perché anche oggi i cristiani dell’Iraq  parlano, pregano nella lingua aramaica; dal primo secolo, noi come caldei, la nostra discendenza è collegata ad Abramo e quindi un’esistenza molto ricca.  Ma rimangono purtroppo le situazioni in questa maniera e abbiamo paura di perdere questa nostra presenza e questa nostra esistenza in quella terra così speciale.
Il governo iracheno, la comunità internazionale e anche la Chiesa cosa possano fare e cosa stanno facendo per fare in modo che i cristiani tornino in queste terre?
Ad oggi non è chiaro cosa farà il governo per i cristiani che vogliono tornare: non hanno liberato tutta Mosul o tutta la Piana di Ninive… Speriamo, però, che il governo faccia il suo dovere e ricostruisca tutto quello che è ormai distrutto. La Chiesa, invece, sin dal primo giorno - e anche oggi - ha fatto tanto e questo grazie anche a tanti benefattori e tante fondazioni che hanno aiutato e incoraggiato le persone a rimanere: per questo hanno anche costruito scuole al nord dell’Iraq… Il governo non ha fatto questo, così come i Paesi Occidentali! E’ certo che abbiamo bisogno di vicinanza e di un aiuto per continuare a vivere e continuare ad esistere in quella terra.

Leggi tutto!
 

Vescovo di Mosul lancia un monito agli europei Non accettate come profughi chi ci rende profughi


Nicodemus Sharaf, Arcivescovo di Mosul per i siro-ortodossi, profugo a città di Erbil (Iraq), dal 9 giugno 2014, rivolge il suo messaggio all'occidente, dicendo: "Svegliatevi, non accettate da voi, come profughi, quelli che ci hanno resi profughi qui (nella nostra terra)".
Queste parole fanno parte di un’intervista rilasciata dall’arcivescovo profugo ad Aleteia (aleteia.org) il 31 dicembre 2016. In quest’intervista, pubblicata in arabo, l’arcivescovo aggiunge: “Tutti i cristiani sono fuggiti dalla città di Mosul nel 2014, quando le truppe di Daesh (ISIS) hanno invaso la città e sono stati accolti dalla maggioranza rimasta ... Gli arabi musulmani sunniti che abitano lì sono molto estremisti! Non accettano chi non condivide la loro opinione ... bisogna capire che gli 800 terroristi di Daesh a Mosul - che ancora l’esercito iracheno, appoggiato dalla coalizione, ha difficoltà di riconquistare - hanno convinto 50.000 uomini ad arruolarsi nella loro organizzazione. Si sono uniti a loro per compiere crimini terribili: espulsione di donne e bambini dalle loro case, decapitazioni, stupri, schiavitù. Ovviamente, c’era terreno fertile per mobilitare tutte queste persone alla loro causa così facilmente... Il loro dio può essere debole e timoroso al punto che loro si sentono in dovere di proteggerlo in questo modo? Noi sappiamo che il nostro Dio ci protegge e ci proteggerà per sempre. Come dico spesso: Dio non ha bisogno di uomini che impongono la giustizia con la forza delle armi. Tu Pensi che questa persona è bestemmiatore e deve morire? Allora, che Dio stesso lo uccida! E vedremo chi finirà per primo!”.

Inoltre, sono state trovate scritte anti-cristiane, ma con una novità: sono scritte da foreign fighters tedeschi, in lingua tedesca, sulle pareti di una chiesa dedicata a San Kuriakus a Batnaia, un villaggio cristiano nella pianura di Ninive (Iraq), che era occupato dall’Isis, e liberato pochi mesi fa:
1. "Oh, adoratori della croce, voi non avete posto nei paesi musulmani, andate via, altrimenti sarete uccisi".


2. "Odiati, servi della croce ... fuori, fuori ... voi non appartenete a questa terra ... noi vi decapitiamo tutti ... voi siete sporchi ... sporchi bestemmiatori ".


3. "Odiati, servi della croce, vi ammazzeremo tutti. Questo paese è musulmano, voi siete sporchi e non appartenete a questa terra".


Aleteia
Savez-vous pourquoi, à Mossoul, les chrétiens se promenaient avec un torchon sur l’épaule ?

Leggi tutto!
 

Funzionario del Kurdistan iracheno: almeno 100 luoghi di culto distrutti o danneggiati dai jihadisti nella Piana di Ninive

By Fides

Sono almeno 100 gli edifici di culto vandalizzati o del tutto demoliti nei territori di Mosul e della Provincia di Ninive a partire dal giugno 2014, da quando i jihadisti dello Stato Islamico (Daesh) hanno imposto il loro dominio in quella regione. Lo riferisce Mariwan Naqshbandi, portavoce del ministero per gli affari religiosi della Regione autonoma del Kurdistan iracheno, anticipando i contenuti di un rapporto in via di pubblicazione da parte della Commissione sui crimini compiuti dai miliziani di Daesh a Mosul e nella Piana di Ninive nel tempo in cui hanno mantenuto il controllo di quell'area.
Nel documento – ha sottolineato il portavoce curdo, secondo fonti locali consultate dall'Agenzia Fides – viene fatto notare che la gran parte dei luoghi di culto distrutti o danneggiati sono chiese cristiane, insieme a un certo numero di templi yazidi o appartenenti a altre minoranze religiose. La Commissione sui crimini di Daesh – ha aggiunto Mariwan Naqshbandi - si avvale per la raccolta di informazioni del contributo delle truppe curde Peshmerga che contribuiscono alla guerra di liberazione contro lo Stato Islamico, ed è impegnata a raccogliere dati anche sulle violenze subite dalle donne – soprattutto yazide – durante l'occupazione jihadista. 

Leggi tutto!

lunedì, gennaio 09, 2017

 

WCC general secretary denounces Middle East violence, urges strengthened peace efforts


Repeated and new forms of violence in Middle East, notably in Jerusalem, Damascus and Baghdad, is strongly condemned, and calls for more prayer and strengthened peace efforts to halt extremists seeking do divide humanity, says the World Council of Churches’ (WCC) general secretary.
“Once again, people going about their daily lives, in celebration of holidays, have suffered violent attacks,” said the WCC’s general secretary, Rev. Dr Olav Fykse Tveit, in a statement on Sunday.
As three cities in Middle East suffered attacks on the same day, the WCC leader condemned any act of terror, including state terror, denouncing the violence, and mourning the loss of life, extending prayers for the victims and their families.
“We must join together, not just to condemn these actions but to strengthen our pursuit of just peace, and our resolve not to allow extremist violence to separate us from each other,” said Tveit.
He noted, “People in Jerusalem suffered a terrible incident today. Again a truck was used as mass-murder weapon? This is to be condemned by all. Every life is precious.”
Four people were killed in Jerusalem by a Palestinian who rammed a lorry into a group of soldiers, three women and a man, all in their twenties, and at least 13 more were wounded, in what Israeli police said was a terrorist attack.
In Damascus, at least five people were killed and 15 injured after a car bomb exploded in Syria's province of Damascus, outside the capital, new wire reports said citing a source in the Syrian police.
In Iraq, a car bomb struck a market in eastern Baghdad, killing at least 12 people and injuring dozens more.
Tveit assured those in Jerusalem, Baghdad and Damascus and across the world that the WCC fellowship stands with them in prayer, mourning and steadfast hope.
“We pray for the victims and their families,” he said, “and we seek God’s mercy, love and grace that we may be empowered with strength to continue our pilgrimage of justice and peace.”
Tveit underlined "Now is the time to build national and joint international responsible leadership to find political solutions and joint efforts to establish peace with justice in this region of the world, which has been so militarized and ordinary citizens have become the victims."

Leggi tutto!
 

Liberato un quartiere cristiano di Mosul. Sacerdote caldeo: non tutti i rifugiati torneranno

By Fides

Nella giornata di domenica 8 gennaio l'esercito regolare iracheno ha ripreso il controllo di al Sukkar, quartiere orientale di Mosul un tempo abitato in maggioranza da famiglie cristiane. Lo riferiscono fonti locali alla testata online ankawa.com. Il quartiere comprende almeno 700 case appartenenti a proprietari cristiani, alcune delle quali erano state occupate da miliziani stranieri dello Stato Islamico (Daesh) confluiti a Mosul dopo che la città era divenuta il principale caposaldo in terra irachena dell'auto-proclamato Califfato.
Molte delle case del quartiere erano state segnate con la lettera araba “Nun”, iniziale della parola Nasara, che significa cristiano, per indicare che quelle case potevano essere espropriate ed erano a disposizione dei sostenitori del Daesh. Le abitazioni erano state abbandonate dai cristiani da quando, il 9 giugno 2014, Mosul era caduta nelle mani dei jihadisti dello Stato Islamico. Secondo le notizie riportate dalle fonti locali, buona parte degli edifici e anche l'ospedale pediatrico situato nel quartiere risultano distrutti o danneggiati.
“Le notizie che giungono da Mosul richiamano certo la nostra attenzione” dichiara all'Agenzia Fides padre Thabit Mekko, sacerdote caldeo della città nord-irachena, attualmente sfollato a Erbil insieme ai suoi fedeli “ma la situazione è ancora pericolosa, ci sono cecchini nelle strade ed è ancora prematuro pensare a un rientro dei cristiani fuggiti dalle loro case. Una tale ipotesi sarà presa in considerazione solo quando la sicurezza sarà assicurata. Tante famiglie non hanno ancora deciso cosa faranno. E comunque non tutti quelli che hanno lasciato Mosul davanti all'avanzata del Daesh vi faranno ritorno”.
Intanto, a Baghdad, la giornata di domenica 8 gennaio è stata funestata da un ennesimo attentato avvenuto nel distretto a maggioranza sciita di Jamila. L'esplosione di un'autobomba in un affollato mercato all'ingrosso, rivendicata da Daesh, ha provocato almeno 12 vittime e 50 feriti.

Leggi tutto!

venerdì, dicembre 23, 2016

 


By Baghdadhope*

Leggi tutto!
 

Will the pope finally visit Iraq once IS is defeated?

By Al Monitor
Adnan Abu Zeed

During his visit to the Vatican on Dec. 3, Iraqi Foreign Minister Ibrahim al-Jaafari invited Pope Francis to visit Iraq, noting that the best time to visit would be once the Islamic State (IS) is defeated and displaced Christians are returning to their homes. 
Other Iraqi officials have brought up such a visit in the past, such as the undersecretary of the Ministry of Health and Environment, Jassim al-Falahi, who told the media in June that “Iraq was preparing for a planned visit by the pope.”
In December 2014, Francis said that he wanted to visit Iraq, but that this was not possible at that time in light of the security situation.
Also in 2014, when Kurdistan Regional Government (KRG) President Massoud Barzani visited Francis, he noted that the pope had agreed to visit the KRG, given the large number of displaced Christians it hosts.
Ahmad Jamal, a spokesman for the Iraqi Foreign Ministry, told Al-Monitor over the phone, “Pope Francis is invited to visit Iraq, and we reiterate this invitation at every opportunity we get when meeting Vatican officials. The pope has not once rejected our invitation, and he will visit us at the earliest appropriate opportunity.”
He added, “The pope’s visit would reflect the Vatican’s support in urging the international community to help Iraq eliminate the terrorism that killed many and forced others into displacement, especially the Christians of Mosul, which had been occupied by IS since June 2014. Iraq hopes the Vatican will set a date for the visit as soon as possible, and the Iraqi Foreign Ministry will continue its efforts to make this visit happen.”
A spokesman for the Prime Minister’s Office, Saad al-Hadithi, told Al-Monitor, “The government is looking forward to the pope's visiting Iraq soon because it would deepen the relationship between Iraq and the Vatican on the one hand, and would be a great support for Iraq’s war against IS on the other.”
This visit has yet to be set, despite many invitations by several officials over the years, including Chaldean patriarch Mar Louis Raphael I Sako, who said in November 2011, “We really wish our beloved Pope Francis would visit Iraq.”
The situation in Iraq and the Middle East has captured the attention of religious authorities at the Vatican; this is particularly the case as a result of the acts of violence that have affected the Christians since 2003 in Iraq.
The Vatican expressed opposition to the first Gulf War that followed the Iraqi invasion of Kuwait in 1990. Pope Saint John Paul II wrote a letter to then-President Saddam Hussein in 1991, urging him to “take courageous steps to withdraw from Kuwait.”
The Vatican’s interest in Iraq mainly focused on the historic city of Ur in the southern Dhi Qar province, where the Prophet Abraham was born, according to the Bible.
In February 2011, news surfaced about a potential visit to Ur by Pope Benedict XVI, and the Ministry of Tourism approached parliament to ensure the success of preparations for this visit.
In November 2013, Iraq and the Vatican agreed on the need to build advanced relations of mutual respect in order to confront the common challenges posed by extremism and terrorism.
Although the pope has not yet visited Iraq, a delegation from the Vatican held Mass on Dec.14, 2013, in the city of Ur, headed by Monsignor Andreatta, head of the Vatican pilgrimage organization, during which he called on people to perform a pilgrimage to the ancient city of Ur.
On Nov. 23, Francis prayed for the Iraqi people suffering under war and expressed his hope that peace would prevail. “I voice my solidarity with the people and Iraq and the residents of Mosul in particular,” he said. IS invaded Mosul in June 2014 and has controlled it ever since, resulting in the displacement of its residents, particularly Christians.
On Nov. 17, Francis brought up the Christian “martyrs” in Iraq and Syria who have remained faithful and sacrificed their lives for their religion.
The relationship between Iraq and the Vatican is heading toward further cooperation. The new papal ambassador in Iraq, Alberto Ortega Martin, met with Iraqi President Fuad Massum on Nov. 19, 2015, and called for reopening Christian schools in Iraq.
Meanwhile, a member of Dhi Qar’s provincial council, Dakhel Radi, told Al-Monitor, “If Pope Francis visits the city of Ur, it will most definitely turn into an international tourist attraction, especially after IS’ imminent defeat and its elimination from Iraq.”
Journalist Walid al-Tai told Al-Monitor, “The people of Dhi Qar hope the pope's visit can finally happen because it would give the impression that Iraq is a safe country, and thus Christians from all over the world could visit the city of Ur, without having any security concerns, in light of the prevailing terrorism in several [other] countries in the Middle East.”

Leggi tutto!

giovedì, dicembre 22, 2016

 

Chaldean priests serving in Europe met in Rome

By Den Katolske Kirke
Rooni Yousif

Under the title "strengthen your brothers" (Luke 22:32) an extraordinary meeting, with the Chaldean priests serving in Europe, was called by the new Apostolic Visitor to Chaldeans in Europe Bishop Saad Sirop for the period from 5th to 9th December 2016. The new Apostolic Visitor was appointed by His Holiness Pope Francis after he was nominated by the Chaldean Synod held recently in Erbil, Iraq.
Four of the priests apologized from coming because of other commitments which could not be cancelled.
The meeting was held in a brotherly manner immersed in the spirit of love and love of service.
After a short welcome speech and after the evening prayer, the Apostolic Visitor presented his appointment papers and his working plan of service in order to "uphold our Chaldean Church in Europe and to gather our children scattered in Europe."
The Bishop asked us to be spiritual, ecclesial and pastoral and original refarences  in these circumstances in which we live. Then the Bishop added that he wishes us to count him as a brother priest and as a father bishop, to help, encourage and to assist us in our work. He also said in his speech that he will give us his full cooperation, integration and activation..Then he gave us a spiritual  lecture which took us  to the depth of the birth of the baby Jesus, and how to understand and live the mystery of incarnation.
The daily meetings were full with prayers, morning and evening in the beautiful Chaldean liturgy and hymns. The morning Holy Mass was held by H.E. Bishop Sirop and two priests.
On the second day, we were visited by Cardinal Leonardo Sandri, the head of Eastern Churches Council, his personal secretary and Fr. Anton, the priest responsible for the Chaldean Church file in the Council. Cardinal Sandry read the Appointment Letter and then asked each and every priest for a short resume about himself and his work in Europe.
The Cardinal praised the Chaldean people and priests in Europe for their good work and wished that their torch of faith remains glowing. The Cardinal urges the Chaldean people and priests to unite and support their leaders with love and to reject all types of differences, splits and those who incite them and to work hand in hand in order to uphold the message of our saver Jesus Christ. A  picture was taken with all present, and then the Cardinal greeted us farewell with a fatherly love.
The meetings continued in a way where each priest presented his Mission, its duties, expectations, activities difficulties faced in conveying the message of  our faith to the people.
On the third day, after the morning prayer and Mass, we went to the Vatican ( Pope Paul 6th hall ) to see and hear H.H. Pope Francis in his Weekly General Public Meeting. His Holiness talked about the hope which gives pleasure, pleasure of meeting our Lord Jesus Christ. 
During His Holiness’s speech, he welcomed the Chaldean Bishop and Priests present in the hall, so without any pre arrangement, we started chanting in, Chaldean Language, an ancient hymn which is to ask His Holiness for his blessings and his prayers. Every thing went quite in the hall during our prayer and His Holiness Listened carefully with joy and the he emphasised the importance of hope in our life. His Holiness met us at the end of the meeting and after receiving his blessings, we took many pictures with his holiness. 
On the fourth day, we discussed with Bishop Sirop the development and the future of the Chaldean Missions in Europe. 
H.E. Bishop Saad Sirop promised again to give us all kind of support in our work and he also promised to make regular visits to our Missions. 
The meetings started and ended in a brotherly spirit, not any spirit but The Holy spirit of God that gives strength, consolation and stability to the Servants of the people  to discharge their duties.

Leggi tutto!

This page is powered by Blogger. Isn't yours?