lunedì, maggio 22, 2017

 

Iraq's Christians demand reconstruction of religious sites

By Al Monitor
Wassim Bassem

A new era has started in the northern Ninevah Plains, known for its ethnic and religious diversity, following the expulsion of the Islamic State (IS). IS took over the area in June 2014 and forced the Christians living there — estimated at more than 100,000 — to abandon their farms and towns and head to the neighboring Kurdistan Region and other areas in the country, or to leave Iraq altogether.
On May 16, the heads of the Christian churches told the media of their “concerns over the possible return of terrorism and demanded that “the areas of the Ninevah Plains be protected by the United Nations and enjoy autonomy.” This fear, however, has not prevented many Christians from returning to their farms and cities and practicing religious rites in their monasteries and churches. During the Easter mass April 15 at the Mar Mattai Syriac Orthodox Monastery in Ninevah, Christians prayed for the safe return of the displaced to their homes and the spread of peace.
IS reduced several monasteries and churches to ruins, and Christians in the Ninevah Plains are demanding that plans be made for their reconstruction, especially for the monastery of Mar Behnam. It dates to the fourth century; IS occupied it in 2014 and bombed it in 2015. They are also calling for the reconstruction of the Mar Mattai Monastery, founded more than 1,600 years ago.
Yonadam Kanna, a Christian member of parliament, told Al-Monitor, “IS besieged the Mar Mattai Monastery in 2014 and prevented people from getting to it. So the first thing I did after the liberation of the Ninevah Plains was to restore the road leading to this monastery through the slopes of Mount Maklub, on top of which the monastery is built. [The monastery] extends over about 1 kilometer [0.6 miles] at a height of 2,400 meters [7,874 feet] above sea level."
Kanna said, “The security forces along with some volunteers have started to remove the words engraved by IS on the walls of the monastery of Mar Behnam and other churches inciting the killing and displacement of Christians. The monks' rooms are being renovated after IS turned them into rooms for the detention of civilians. Crosses have also been raised [on the grounds].”
He added, “IS destroyed about 40% of the Mar Behnam Monastery; this calls for government support and funding to turn these sites again into places of worship and religious tourism centers. The government needs to develop a strategic program to restore Mar Behnam and Mar Mattai in conjunction with the return of visitors.”
However, Faleh al-Shammari, the director of antiquities in Ninevah, told Al-Monitor, “It is still premature to think of a strategic reconstruction project due to the war and the financial crisis.”
Still, he said, “Local volunteer teams have begun to remove the debris in the monasteries and churches and started to paint the facades of the Mar Behnam Monastery. The Directorate of Antiquities is preparing a special program to redevelop Mar Mattai Monastery, which is a historic site of interest to humanity and is frequented by visitors from all over the world.”
Shammari said, “Ecclesiastical organizations from Europe visited Mar Mattai Monastery this month and expressed their willingness to participate in the restoration of Christian monuments in the Ninevah Plains. In addition, during a UNESCO meeting last month in France held in the presence of the Iraqi minister of culture, an agreement was reached over the reconstruction of Mar Behnam and Mar Mattai.”
Shammari said, “The main objective is to have tourists from all over the world return to visiting these places like they used to before the IS invasion of Ninevah.”
Christian Bet-Nahrain Democratic Party leader Yousif Yacoub told Al-Monitor, “The government should swiftly reconstruct Mar Behnam Monastery in Qarqosh, which had been turned into a training camp by IS. It should also reconstruct the churches of Mosul that were turned into IS headquarters and the Mar Mattai Monastery, which was besieged after the historical road leading to it was threatened. These places have become a national symbol and not only a religious one; victory over IS will only be completed once these symbols are reconstructed.”
Yacoub said, “The Christian institutions in Europe have to fund the reconstruction of these churches to maintain the Christian presence in the Middle East.”
As for the role of the Christian Waqf Foundation, Media Director Hani Kasto told Al-Monitor, “The waqf formed committees to study the reconstruction projects of the Mar Mattai and Mar Behnam monasteries."
He added, "Before the start of the reconstruction process, it is the duty of the government to restore confidence in the hearts of the Christians in their homeland and state by focusing on strengthening security in the Ninevah Plains and reassuring the population that the state is strong and that terrorist and extremist organizations will no longer return to the region.”
Yacoub said, “The security authorities reinforced security guard posts at the entrance to the Mar Mattai Monastery and reinforced security measures around Mar Behnam and the other churches. There are international promises to rebuild the churches in Ninevah. These promises remain within the context of symbolic support rather than real reconstruction projects.”
So long as the extremist ideas planted by IS remain rooted in the behavior and beliefs of many people in the Ninevah Plains, the situation of the Christians in the area will be of concern, even amid tightened security measures.
Before the reconstruction of the monasteries, churches and places of worship in the Ninevah Plains, cultural and intellectual rehabilitation is required, so that a culture of moderation, coexistence and tolerance can emerge.

Leggi tutto!

venerdì, maggio 19, 2017

 

Iraq: a Ninive i sacerdoti diventano ingegneri


Non è raro che un sacerdote debba improvvisarsi in altri ruoli. In Iraq, nei territori fino a poche settimane fa occupati dallo Stato Islamico, molti sacerdoti si vedono oggi impegnati come ingegneri, architetti e geometri. Non appena celebrata la messa, padre Georges Jahola smette i paramenti e prende immediatamente il cellulare per ricominciare a coordinare i lavori.
Il sacerdote siro-cattolico è membro del Nineveh Reconstruction Committee (NRC), un organismo creato da Aiuto alla Chiesa che Soffre per coordinare la ricostruzione dei villaggi della Piana di Ninive distrutti da ISIS. «Qui in Iraq se non ci pensa la Chiesa a far fronte alle necessità di questa povera gente non lo farà nessuno».
Nel villaggio di Qaraqosh le case dei cristiani da ricostruire sono 6.727, 115 delle quali totalmente distrutte. La ricostruzione è stata attentamente pianificata. «Abbiamo classificato le diverse abitazioni e cominceremo a ricostruire da quelle parzialmente danneggiate, così da permettere alle famiglie di rientrarvi al più presto», dichiara ad ACS padre Jahola. La Chiesa ha coinvolto 40 ingegneri volontari e oltre 200 operai. «Ci vorrà del tempo ma siamo ottimisti».
Il costo del Marshall Plan varato da ACS per la ricostruzione della Piana di Ninive è stimato in oltre 250 milioni di dollari e la Fondazione ha già messo a disposizione un contributo iniziale di 450 mila euro che permetterà di ricostruire le prime cento case. «Ci stiamo concentrando sui villaggi che sono stati per meno tempo nelle mani dello Stato Islamico», spiega padre Salar Boudagh, vicario generale della diocesi di Alqosh e membro dell’NRC. “A Telskuf e Bakofa la ricostruzione richiederà meno tempo, al contrario di Badnaya, dove oltre l’80 percento delle case è stato distrutto».
Il sacerdote riferisce come prima dell’arrivo di ISIS, 1450 famiglie vivessero a Telskuf, 110 a Bakofa, 950 a Badnaya, più di 700 a Telkef e 875 a Karemles. «La prima condizione per il ritorno di queste famiglie è la sicurezza e fortunatamente quest’area è pattugliata dalla Zeravani, una milizia cristiana di cui ci fidiamo ciecamente».
Accanto alla sicurezza, il piano di ricostruzione non può prescindere da un importante impegno economico. Le case sono state suddivise in base ad un “coefficiente di danno”. Per riparare una casa incendiata servono 25mila dollari, mentre per una totalmente distrutta ne occorrono almeno 65mila. «Preghiamo Dio – afferma padre Boudagh – affinché i benefattori di ACS continuino a sostenerci e permettano alle famiglie cristiane di tornare nella terra dei profeti».

Leggi tutto!
 

Iraqi archbishop appeals for help rebuilding Christian communities after IS persecution


Bashar Warda is leading a mission to revive ancient communities torn apart when self-styled Islamic State extremists tore through them in 2014.
Catholics in the north and north-east raised tens of thousands of pounds to support those who fled the Nineveh Plain to Kurdish-controlled Irbil.
Families have been living in camps and church-funded accommodation, amid fears the rest of the Christian population might abandon the region entirely.
At least four fifths of the estimated 1.5million Christians who lived in Iraq in 2003 have left.
But now that IS have been forced out of their villages, work has begun on the £200million-plus task of rebuilding homes, as signs grow that many want to stay.
Archbishop Warda, the leader of the Chaldean Christians in Irbil, set out the position when he visited the Granite City yesterday to pay his thanks.
“It is really a very critical time,” he told the Press and Journal as he met the Bishop of Aberdeen Hugh Gilbert.
“There is a hope coming back again but we all know that it is a fragile hope, a hope that really needs to be supported and strengthened.
“We have passed the most difficult faith test.
“Now we are looking for people to continue their support, to continue their prayers, to continue their efforts of raising awareness.
“Wherever we find people who show sympathy and solidarity and who are willing to hear our story and help us, it is an act of justice to come and say thank you and share more details about what is happening.”
He arrived fresh from a private meeting with Prince Charles, who has spoken out on the issue on the past and who he found “engaged and fully informed”.
The visit has been organised by the Aid to the Church in Need, a key player in the recovery effort.
The charity’s UK national director Neville Kyrke-Smith praised the “outstanding” fundraising efforts of the region’s congregations.
Bishop Hugh said he was delighted to welcome the archbishop and “see all the ways in which we can help and support”.
“There is a great deal of work still to do,” he said.
“Many thought that they would be leaving for good and not come back but there is now quite a groundswell that they would like to come back.
“But there is both material and social reconstruction needed and it is a big enterprise.
“We are very happy to be a part of that.”

Leggi tutto!

giovedì, maggio 18, 2017

 

Un profugo al Salone del Libro di Torino: Il libro sacro della chiesa siriaca-cattolica di Qaraqosh

By AISE






Viene presentato per la prima volta, in occasione del Salone Internazionale del Libro di Torino presso lo Stand Progetto PRODIGE un antico Libro Sacro della Chiesa siriaca-cattolica proveniente dalla più importante città cristiana del Kurdistan iracheno, Qaraqosh, nell'antica Piana di Ninive. Un manoscritto che racconta e ricorda le migliaia di profughi in fuga dalla guerra, il processo di annientamento delle diverse popolazioni, la distruzione di interi territori ed il "genocidio culturale" in atto in tutto il Medio-Oriente.
Un'iniziativa nata, grazie alle tecnologie di Realtà Virtuale sviluppate con il Progetto PRODIGE, dalla collaborazione fra SiTI e FOCSIV – Volontari nel mondo, questa ultima presente in Kurdistan da oltre tre anni, e volta al recupero e la tutela del patrimonio culturale come parte integrante del processo di ricostruzione del tessuto umano e sociale delle persone coinvolte dal conflitto.
"Estirpare le radici profonde della cultura di un popolo significa recidere in modo definitivo i legami complessi che si intrecciano nel tessuto sociale di una società umana", afferma Gianfranco Cattai, presidente FOCSIV. "Non a caso la Storia ci ricorda che spesso il distruggere le vestigia, il dare fuoco ai libri ha provocato la definitiva scomparsa di alcuni popoli, delle loro tradizioni, della loro lingua. È cancellare la memoria degli uomini".
"Da tre anni",
ricorda Cattai, "siamo a fianco ai tanti sfollati nel campi di Ankawa 2 e Aishti ad Erbil, a Kirkuk e Al Kosh e ora in quelli spontanei nati sulla strada per Mosul. Un lavoro condotto ugualmente in Libano, Siria, in Turchia dai volontari delle 7 ONG socie FOCSIV aderenti alla Campagna Humanity – essere umani con gli esseri umani. Oltre a creare le condizioni per una vita dignitosa ed a pensare alla ricostruzione del futuro di queste persone, siamo consapevoli che mesi di occupazione, di violenze, di guerra e di condizionamento ideologico hanno inciso profondamente nel loro animo. Dobbiamo, quindi, volgere il nostro impegno soprattutto alla ricostruzione del tessuto sociale con l'educazione, la formazione grazie alle quali si possono recuperare le tradizioni e la cultura millenaria di accoglienza e tolleranza di tutto il Medio Oriente. Per questo", conclude Cattai, "crediamo che il recupero del Manoscritto, possa simbolicamente rappresentare per tutti che un altro futuro è possibile".
Il Manoscritto, individuato lo scorso gennaio dai giornalisti Laura Aprati e Marco Bova, successivamente consegnato dall'arcivescovo di Mosul, nelle mani dei volontari FOCSIV ed è giunto in Italia grazie all'impegno diretto del ministro dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, Dario Franceschinie di Giulia Silvia Ghia presidente di Verderame progetto cultura.Oggi è ricoverato presso ICRCPAL – Istituto Centrale per il Restauro e della Conservazione del Patrimonio Archivistico e Librario che ne effettuerà il restauro nei prossimi mesi, studiandone i contenuti e dandone una datazione e collocazione storica.
Al termine del restauro il Libro Sacro tornerà nelle mani del legittimo proprietario l'Arcivescovo di Mosul.
Il Libro, probabilmente attribuibile al XVI secolo, è scritto in aramaico con un carattere siriaco in nero e rosso, a sottolineare con questo colore le interruzioni, il cambio di lettura o di lettore. è un testo dedicato al rito liturgico e alle preghiere della Chiesa siriaca-cattolica. È costituito di 116 di pagine in carta, con una copertina di legno e cuoio, arricchito con alcuni disegni con simboli religiosi, in parte danneggiati. Il manoscritto era per il sacerdote, a cui era stato affidato, una sorta di manuale per i riti di tutto l'anno liturgico. Non è riportato il nome dell’amanuense, sicuramente sono stati effettuati nei secoli degli interventi di restauro e di inserimento di pagine, che sostituivano le originali forse andate perdute o usurate con il tempo. 

"SiTI da anni è attivo sul tema della sicurezza e della realtà virtuale come strumento destinato alla gestione delle emergenze, incrementando la capacità di eseguire efficaci operazioni di risposta congiunta ai disastri naturali, attraverso la creazione di protocolli innovativi di training degli operatori basati sulla realtà virtuale", sottolinea Romano Borchiellini, presidente di SiTI.
"Le tecnologie sviluppate possono essere utilizzate, oltre che nella gestione delle emergenze, anche per la tutela del patrimonio culturale: esse permettono, tra l'altro, di descrivere le opere d'arte e i monumenti rendendoli fruibili a distanza per studiosi e ricercatori; consentono di conservare la memoria e la fruibilità di siti distrutti da calamità naturali e da attacchi terroristici ed aprono prospettive nuove nel campo del restauro conservativo e ricostruttivo".
A Torino sarà possibile vedere il Manoscritto all'interno di una teca mentre, con degli appositi occhiali, i visitatori potranno con l'utilizzo della realtà virtuale, in modo efficace ed intuitivo, vedere da quale contesto il libro proviene e quali distruzioni abbiano subite le strutture che lo accoglievano da secoli. 

Un sistema quello della realtà virtuale che può, grazie alle sue grandi potenzialità, migliorare l’efficacia e l’efficienza dei processi di protezione del patrimonio culturale fondamentali, in questo momento nelle diverse aree del Medio Oriente coinvolte dai conflitti. 

Leggi tutto!
 

'We cannot rest' while Christians are being persecuted, advocates say

By EWTN
Matt Hadro

Christians around the world have been models of forgiveness amidst persecution, but Western Christians must support them, religious leaders insisted at a world summit last week.
“We cannot rest, we cannot be content, we certainly can’t be complacent knowing our sisters and brothers are being oppressed, imprisoned, and killed,” Cardinal Donald Wuerl of Washington, D.C. stated in his May 12 keynote address at the World Summit in Defense of Persecuted Christians.
“When fellow Christians suffer, we suffer too. Injustice, this extraordinary injustice, should arouse in us the need to speak,” he continued.
Last week’s D.C. summit, hosted by the Billy Graham Evangelistic Association, featured more than 600 Christian leaders from 130 countries, including those who have suffered persecution in countries like Syria, North Korea, Iraq, Egypt, and Cuba.
The gathering was meant to shed light on narratives of Christian persecution amidst totalitarianism, secularism, tribalism, or religious extremism, and enable leaders to collaborate on pushing for religious freedom and tolerance.
Vice President Mike Pence addressed the summit on Thursday, as well as Metropolitan Hilarion of the Russian Orthodox Church. Cardinal Wuerl delivered the keynote address on Friday.
Catholic and Orthodox leaders at the summit emphasized that Christians play a vital role as religious minorities in African and Asian countries, acting as peacemakers and bridge-builders in societies fraught with sectarian strife.  


Fr. Douglas al-Bazi, a Chaldean Catholic priest who was kidnapped and tortured for several days in 2006 by terrorists in Iraq, spoke to EWTN News about the continued Christian witness of forgiveness there, despite the mass displacement of communities at the hands of the Islamic State and the betrayal by their neighbors.
Christians are unique in the sense that they are the only group that is practicing widespread forgiveness, Fr. Bazi said. “Because even (with) what’s happened to us, we are still believing in the future, we are still believing in life, we are still looking forward to live together again.”
Fr. Bazi is now serving in New Zealand, thousands of miles from his former parish in Erbil, Iraq where he ministered to Christian refugees of ISIS. He runs Project 52, which helps disabled children in Iraq with the goal of having them adopted by families in New Zealand.
“My body is in New Zealand, but my heart is still in Iraq,” he said.
When ISIS overran large parts of Northern Iraq in 2014, Christians were given an ultimatum to convert to Islam, leave, or die, and many fled eastward to Erbil.
Now, after ISIS forces have been driven back from the Nineveh Plan and most of Mosul, many refugees have returned to see their homes damaged or destroyed, and their furniture stolen.
One family spent a night in their home but were kept awake by their neighbor yelling that they were infidels, Fr. Bazi said. “No ISIS anymore, but still the mentality of terrorists…the radical way,” he said.
“So my people, again and again, they are between two fires, to live in camps, or to go back again to hell, I mean Mosul.”
As Christians move back into their homes there, “the trust between people, actually, is completely lost,” he admitted. Yet Christians will forgive, and in time the relationships may be mended.
It is imperative that the Christians who can stay in Iraq do so, he maintained, as they will serve as a necessary “bridge” between minorities. “(If) we don’t have Christians, we don’t have examples of forgiveness in Iraq,” he said.

Meanwhile, in Syria, Christians are caught in the middle of a proxy war that has raged since 2011 with no immediate end in sight. They co-existed with Muslim neighbors for centuries, but that balance stands to be upset as refugees are forced to flee their homes for elsewhere within Syria or to other countries.
Patriarch Ignatius Aphrem II of the Syriac Orthodox Church told EWTN News of how the Church there helps those in need, the majority of whom are Muslims.
“We do that, not only because it’s our mission, it’s our faith that teaches us to help everyone,” he insisted, “but also because we want to invest in our future with these people, these our neighbors, our countrymen, women, and our future is together.”
Fr. Alexi Chehadeh, director-general of ecumenical relations and development for the Greek Orthodox Patriarchate of Antioch and All the East, rejected the idea of dividing Syria into Alawite, Sunni Muslim, and Christian sections.
“We are against this,” he said. “We want a unified Syria under one flag,” adding that he wished “that Muslims and Christians are living together in peace and harmony.”
However, not all Christians around the world are setting an example of neighborliness, tolerance, and forgiveness. “Some of the conflict involving Christian groups and some of the persecution is coming from Christians,” Dr. Timothy Shah told EWTN News.
Shah is the director for international research of the Religious Freedom Research Project at Georgetown University’s Berkley Center for Religion, Peace, and World Affairs.
He pointed to examples of Christians persecuting other Christians in Russia, Mexico, Latin America, Sri Lanka, and Ukraine.
In Mexico, for instance, Protestant families have been driven from their villages for their beliefs. “You’re talking about people whose lives are drastically affected,” Shah said. “This simply should not be happening in an era where the Holy Father talks about the ecumenism of blood.”
In Russia, the Supreme Court just outlawed Jehovah’s Witnesses from publicly practicing their faith. In Sri Lanka, Cardinal Malcolm Ranjith of Colombo has backed “laws restricting conversion,” he said.
Through his rhetoric, the cardinal “is not, let’s be candid, practicing, I think, the kind of spirit of brotherhood with non-Catholic Christians that I think the Holy Father has himself clearly embodied, both when he was archbishop in Argentina and also as Pope,” Shah continued.
Yet there is also a palpable “sense of hope that Christians really can respond effectively” to persecution, he said, citing the recently-released report “Under Caesar’s Sword” which documents how Christians around the world have decided to respond to persecution, many times through non-violence, dialogue, and forgiveness.
Despite the witness to charity of fellow Christians in Africa, the Middle East, and Asia, the Western Church must do much more to help them through prayer, charitable giving, and advocacy, speakers at the summit insisted.
Cardinal Wuerl compared the duties of Christians in the West to help their persecuted brethren to Simon of Cyrene who helped Jesus to carry his cross.
“Just as Simon of Cyrene stepped forward to help Jesus carry his cross, and for that reason has forever been indelibly imprinted in the iconography of the Christian world, so my brothers and sisters do we have to find ways of stepping forward,” he stated in his Friday keynote address at the summit.
“Life has not greatly improved” for Christians living in the shadow of ISIS, he maintained, as many of the displaced are still homeless and dependent on aid groups for their basic needs.
“Together, alone, individually, collectively, whenever the opportunity presents itself, and even when it is inconvenient, we must lift up our hearts in prayer, our hands in help, and raise our voices in witness,” he said.

In Iraq, for Christians to have a future they must be considered equal citizens under the law, Fr. Bazi explained, and Western Christians can help by pushing for the overturning of Article 2 of the Iraqi constitution, which declares that “Islam is the official religion of the State” and that “no law that contradicts the established provisions of Islam may be established.”
The article states that the constitution “guarantees” freedom of religion, but Fr. Bazi said that since it prohibits any laws contradicting Islam, Sharia law largely applies in practice, and there is no religious freedom.
He hoped the Trump administration could press Iraq to change that article, and that Pope Francis and President Trump will discuss the future of Christians in the Middle East in their upcoming meeting on May 24 at the Vatican.

In Syria, the international community must help provide more aid to those displaced by the conflict as they cannot yet return to their homes and “the churches are overwhelmed with the services they are offering,” Patriarch Ignatius Aphrem II told EWTN News.
But there also must be a lasting end to the conflict through an end to the arms trade and the international community coming together on a peace agreement, he said. Otherwise people will not be able to return to their homes.
“In Syria, particularly, the Russians and the Americans are flexing their muscles there, the Iranians and the Saudis are fighting there,” he said, and Israel and other countries have an interest in the outcome of the conflict. “Unless all these groups come together,” he said, “and agree on a plan, I don’t think peace will be restored.”
Furthermore, groups like ISIS sell oil from Syria and Iraq to Turkish companies and other third parties, including Europeans, and this must stop, he insisted.
As a world leader, the U.S. has a key role in fighting religious persecution around the world, former congressman Frank Wolf told EWTN News, but in the “past several years” international religious freedom has been “kind of ignored” by members of both parties in Congress. 
The Trump administration must make some key hires to ensure that religious freedom has a prominent place in American diplomacy and foreign policy, he said, including the appointment of an Ambassador at-Large for International Religious Freedom. 
The previous ambassador, Rabbi David Saperstein, who served during President Obama’s second term, was a “model” for this position, he said, and the next ambassador must have direct access to the Secretary of State and the President, when necessary. 
A new law, the Frank R. Wolf International Religious Freedom Act, which expands upon the previous 1998 law, mandates religious freedom training for foreign service officers. This will be key for embassies to be seen as “islands of freedom” as they were traditionally viewed during the Cold War, especially in Soviet bloc countries, Wolf explained.
If the training is put into practice, and members of Congress have access to a Prisoners of Conscience List, they can have information on persons detained by foreign governments for their religious beliefs and can request to visit these prisoners when they travel abroad.
Asked about the lack of advocacy for persecuted Christians worldwide, Wolf was blunt: “I think the church in the West has failed.”

Leggi tutto!
 

Shia cleric: Iraq Christians ‘infidels who must convert or be killed’


 

Almost 200 Iraqi Christian families filed a lawsuit against the head of Iraq’s Shia Endowment, Sheikh Alaa Al-Mousawi, on charges of incitement of sectarian violence against Christians after he used rhetoric reminiscent of extremist group Daesh and called for religious minorities to either convert to Islam or be killed.
Al-Mousawi, who is in charge of the government body which maintains all of Iraq’s Shia holy sites, including mosques, Huseiniyas and schools, sparked anger as he declared Christians to be “infidels” during a religious sermon he gave in southern Iraq, according to local media.
The senior government appointed Shia cleric described the Christians as “infidels and polytheists” and stressed the need for “jihad” against them. He has also said that “Jews and Christians” must be fought and killed if they do not accept Islam, with the same fate awaiting Zoroastrians as well as Sabians, another Iraqi religious community.
In a video from the religious sermon, Al-Mousawi can clearly be seen inciting against Christians and other minorities:

Either they convert to Islam, or else they are killed or they pay the jizya
 (a tax on non-Muslims).

Many have accused him of imitating the rhetoric of Daesh extremists by stating that Iraqi Christians must either convert to Islam, pay a religious tax on non-Muslims known as the jizya, or else be killed.
In 2014, Daesh imposed the exact same conditions on Christians in Iraq’s northern provinces, forcing more than 100,000 to leave their homes in fear for their lives. One of the oft-cited reasons behind the western intervention against Daesh was the risk they posed to not only Christians, but other religious minorities including the Yazidis.
Senior European Christian leaders denounced Daesh for threatening Christian communities in Iraq – one of the country’s oldest communities – with clerics such as the Archbishop of Canterbury, Justin Welby, adding an Arabic “N” to his Twitter profile in solidarity with Iraq’s Christians.
So far, no western official has commented on one of Iraq’s most senior government Shia clerics issuing the same threats as Daesh, despite Iraq being a key ally in the fight against the extremist group that has persecuted all religious groups in the war-ravaged country since 2014.
Al-Mousawi has responded by sending a delegation from the Endowment to the Babylonian Christian Movement to mediate the lawsuit and the allegations that his comments have mirrored Daesh’s extremist rhetoric.
Iraq’s Shia clerical establishment as well as its numerous Shia jihadist militias have long been accused of religious extremism, having perpetrated numerous sectarian atrocities against the Sunni Arab community as well as other minority groups.

Leggi tutto!

mercoledì, maggio 17, 2017

 

Fornivano documenti falsi a chi vendeva illegalmente le case dei cristiani: arrestati due funzionari di Baghdad

By Fides

La corte penale di Karrada, distretto di Baghdad, ha confermato nella girnata di martedì 16 maggio le misure d'arrasto disposte contro due funzionari corrotti che fornivano a singoli impostori e gruppi organizzati di truffatori falsi documenti di proprietà per consentire ai loro complici di vendere le case di iracheni cristiani emigrati all'estero, e impossessarsi del denaro ottenuto dalla vendita. Le indagini condotte a carico dei funzionari – è stato riferito durante il processo – hanno portato anche al sequesto di 160 falsi documenti di proprietà già predisposti per essere usati in nuove truffe a danno di cristiani espatriati.
Innumerevoli famiglie cristiane hanno abbandonato Baghdad per sottrarsi al caos, all'instabilità e alla violenza che regnano in Iraq dai tempi dell'ultimo intervento militare a guida Usa.
Tra le decine di migliaia di cristiani fuoriusciti dal Paese negli ultimi anni, molti non avevano venduto le case i beni immobiliari, tenendo viva la speranza di far ritorno in Iraq in tempi più tranquilli. Negli ultimi anni, mlti di loro hanno fatto l'amara scoperta che durante la loro assenza le loro proprietà immobiliari sono passate di mano, e i nuovi possessori in molte situazioni dispongono anche di falsi documenti di proprietà che rendono di fatto impossibile il recupero per vie legali dei beni da parte dei legittimi padroni.

 Ankawa.com
May 15.2017

Leggi tutto!
 

Ninive, nunzio in Iraq: nell’opera di ricostruzione aumentano unità e comunione fra cristiani

Foto Patriarcato Caldeo
13 maggio 2017



By Asia News
Alberto Ortega Mart
ín

La collaborazione fra diverse Chiese, fra i caldei, i siro-cattolici e i siro-ortodossi “oltre a rafforzare l’unità”, costituisce anche “una forte testimonianza di comunione”. È un “diritto e perciò una responsabilità di tutti che i cristiani e i membri di altri gruppi”, che hanno dovuto lasciare le loro case in seguito all’ascesa dello Stato islamico a Mosul e nella piana di Ninive nell’estate del 2014 “in un modo tanto ingiusto, possano rientrarvi”. È quanto afferma mons. Alberto Ortega Martín, nunzio apostolico in Giordania e Iraq, in una lettera al patriarca caldeo mar Louis Raphael Sako e inviata per conoscenza ad AsiaNews. 
Nella missiva il prelato ricorda che è iniziata l’opera di ricostruzione [cui contribuisce anche AsiaNews con la campagna “Adotta un cristiano di Mosul”] e alcune famiglie sono già rientrate a Telleskof e in altre cittadine della piana di Ninive. Una notizia, prosegue, che riempie “di gioia e di speranza”.
Il diplomatico vaticano spende “una parola di incoraggiamento” per i tanti cristiani di Mosul e della piana “che hanno dato una bella testimonianza, giacché hanno perso tutto per mantenere la loro fede”. “A loro voglio dire: la vostra testimonianza di fede è un tesoro per tutta la Chiesa”. “Con le parole di papa Francesco - aggiunge ancora - incoraggio tutti i cristiani a non lasciarvi rubare la speranza e a continuare a restare attaccati al Signore Gesù che è la vostra forza”.
Ecco di seguito, la lettera del nunzio apostolico in Iraq al patriarca Sako, inviata per conoscenza ad AsiaNews:

Beatitudine,
sono stato informato di recente circa l’avvio ufficiale dei lavori di ricostruzione in alcuni villaggi cristiani liberati che si realizzeranno con l’aiuto di diverse istituzioni, in particolare con quello dell’organizzazione “Aiuto alla Chiesa che soffre”. Tale informazioni, insieme alle notizie circa le numerose famiglie cristiane che sono rientrate a Telleskof e in altri villaggi mi riempiono di gioia e di speranza.
L’iniziativa per la ricostruzione dei villaggi, sulla quale si stava lavorando già da qualche mese, è encomiabile e mi sembra molto bello che in essa siano coinvolte le diverse Chiese presenti nella Piana di Ninive, in particolare la Chiesa Caldea, la Chiesa Siro-cattolica e la Chiesa Siro-ortodossa, che hanno i loro rappresentanti nel Comitato per la ricostruzione. Rilevo, poi, con compiacimento come la collaborazione tra le diverse Chiese, oltre a rafforzarne l’unità, costituisce anche una forte testimonianza di comunione, che è un grande dono e nello stesso tempo un compito affidatoci dal Signore.
Spero che l’ingente opera di ricostruzione, felicemente avviata, possa andare avanti, come auspicato, e che si abbia un progressivo coinvolgimento di più istituzioni locali e internazionali. Al riguardo stimo utile segnalare che è un diritto e perciò una responsabilità di tutti che i cristiani e i membri di altri gruppi, che hanno dovuto lasciare le loro case e le loro terre in un modo tanto ingiusto, possano rientrarvi.
Mi è grata l’occasione per esprimere una parola di incoraggiamento a tanti cristiani di Mosul e della Piana di Ninive che hanno dato una bella testimonianza, giacché hanno perso tutto per mantenere la loro fede e per non rinnegare il Signore Gesù Cristo. A loro voglio dire: la vostra testimonianza di fede è un tesoro per tutta la Chiesa. Con le parole di Papa Francesco incoraggio tutti i cristiani a non lasciarvi rubare la speranza e a continuare a restare attaccati al Signore Gesù che è la vostra forza. Per quanti di voi che siete sfollati da tanto tempo, a volte in condizione molto precarie, auspico un presto ritorno nelle vostre case e nei vostri villaggi. Sapete che la vostra presenza nel Paese è fondamentale. Siete la presenza di Cristo. Avete una bella missione che nessuno può svolgere a vostro posto. Vi esorto a restare nella vostra terra per continuare a contribuire al bene della società. Con voi continuo a pregare per la pace e la riconciliazione nel Paese.
Vi assicuro che non siete soli: la Chiesa, cominciando dal Santo Padre, che sapete che vi vuole bene e vi ricorda nelle sue preghiere, è vicina a voi. Segno di questa vicinanza sono tanti aiuti che vi sono arrivati da tante istituzioni e da tante persone. Anche la presente iniziativa, favorita da “Aiuto alla Chiesa che soffre”, è un gesto prezioso e concreto di tale sollecitudine. Sono molto grato a quanti si sono impegnati a rendere possibile questa buona opera alla quale auspico ogni bene.
Per portare avanti l’opera di ricostruzione ci sarà bisogno di tanto aiuto materiale, che ho fiducia arriverà, ma ci sarà bisogno soprattutto di coraggio, di motivazione e di impegno animato dalla fede da parte di ciascuno di voi. In questo aspetto è fondamentale il ruolo dei leader. Vostra Beatitudine è chiamato a svolgere un ruolo di primo piano così come i Vescovi delle altre Chiese, i sacerdoti, i religiosi e le religiose. Al riguardo è fondamentale l’unità di intenti e la collaborazione soprattutto tra i sacerdoti e i loro Vescovi. In questi momenti dove è in gioco l’avvenire dei cristiani nel Paese tale unità e comunione riveste un’importanza primordiale. I fedeli vi guardano e aspettano da voi, sacerdoti e vescovi questa testimonianza di unità. Vogliono vedere i sacerdoti uniti ai loro vescovi lavorando per il bene dei fedeli e perciò stesso per il bene di tutta la Chiesa e di tutta la società.
Da parte mia posso assicurare la mia preghiera ed il mio impegno a favorire nella misura del possibile questa importante opera di ricostruzione. Vi affido alla Madonna di Fatima, e vi trasmetto la mia benedizione.
Nel comunicarLe che ho ritenuto opportuno inviare un messaggio simile a Sua Eccellenza Mons. Yohanna Petros Mouché, Arcivescovo di Mosul dei Siri-Cattolici, profitto volentieri della circostanza per confermarmi, con sensi di profondo ossequio,
della Beatitudine Vostra Reverendissima.

(Mons. Alberto Ortega, nunzio apostolico in Giordania e Iraq)

Leggi tutto!

martedì, maggio 16, 2017

 

Kurdistan’s largest church constructed in Ainkawa

By Rudaw

Situated in the Christian township of Ainkawa, north of Erbil, the Church of St. Petrous and Pols is said to be the largest church in Kurdistan Region, and one of the greatest in Iraq when the construction is completed later this year.

The church houses rooms for the sick, bride and groom dressing, cafeteria, offices, conferences, training, baptism pool and is reportedly built on a budget of 500 million Iraqi dinars ($430,000).

“The church will be among the most magnificent and largest churches in Iraq. The project itself has been developed over several years and will even house a school for Christian studies and languages. It will have a modern architecture which will also reflect the history of Erbil and its surrounding areas,” said Ashour Jarjis who is in charge of the construction.

There are currently 127 churches and 34 shrines in the Kurdistan Region and plans are underway to increase the number in the coming years after the mass migration of Christian families from Baghdad and Nineveh Plains to Kurdistan intensified over the past decade.
Accurate data is still difficult to come by about the number of Christian refugees in Kurdistan Region but authorities say it could be as high as 200,000 people with the majority of them living in Ainkawa and Shaqlawa north of Erbil.
Authorities have also plans to complete the construction of the headquarters of the Assyrian Church after it was relocated to Erbil from the U.S. two years ago.  
Mar Gerges III was consecrated as the new patriarch of the Assyrian Church of the East in Ainkawa in 2015.
The headquarters of the Assyrian Church were moved to Chicago in 1940 due to political tensions and violence and have remained in the U.S. city since.

Christian activist warned last year that the continued migration of Iraq's Christians to Europe will have long-lasting impact on their vulnerable communities across the country including in the Kurdistan Region. According to activists, the exodus of especially young people is "so high" it could endanger the future of the Church in the ISIS-stricken country.

It is estimated that Christians in Iraq make up over 3 percent of the population. According to the 1987 Iraqi census, 1.4 million Christians, including the Assyrian community, lived in Iraq, but many have since migrated to the West after years of persecution and economic hardship.

Unofficial estimates suggest that over 60,000 Assyrians still live in the Kurdistan region, but the majority of Assyrians see the Nineveh Plains as their ancestral homeland, and would prefer more self-rule for their community.

Leggi tutto!
 

Iraq, tornano i cristiani nella Piana di Ninive

By Radiovaticana
Emanuela Campanile

"Di fronte ad una tragedia simile, non si può essere politically correct. L'Occidente non riesce a comprendere cosa significhi per questi cristiani ritornare nella loro terra"
Parla Alessandro Monteduro, direttore di ACS (Aiuto alla Chiesa che Soffre) Italia, che racconta la ricostruzione dei villaggi cristiani della Piana di Ninive (Iraq) ormai liberati dall'occupazione degli Jihadisti. Con il piano della Fondazione pontificia - aggiunge il direttore - si restituisce dignità e identità a queste persone e alle nostre stesse radici cristiane.

Per ascoltare le parole di Alessandro Monteduro clicca sul titolo del post o qui

Leggi tutto!

lunedì, maggio 15, 2017

 

Meet the priest racing to save Iraq's ancient history from ISI

By Circa
Elizabeth Hagedorn

Wearing white gloves and using a dull knife, Father Najeeb Michaeel carefully flips through pages of yellowed, tattered manuscripts -- some of which are over a thousand years old. 
In August 2014, Michaeel was working in Qaraqosh, Iraq's largest Christian city. Knowing the militants would loot and destroy the city's antiquities should they find them, Michaeel formulated a plan.
Ten days before ISIS invaded the city, he stashed as many rare books, artifacts and art into his truck as he could find. He then fled for Erbil.

"I prepared all our collections and put them in boxes in very big containers."

In shocking images seen around the world, many of the region's greatest archaeological treasures have been reduced to rubble. Propaganda videos released by ISIS show militants taking bulldozers and sledgehammers to the ancient ruins of Hatra, Khorsabad, Nimrud, and Nineveh.
Just like the Taliban destroyed 1,700-year-old Buddhas in Afghanistan in 2001, ISIS has looted and destroyed sites in Iraq and Syria belonging to religious minorities, including Christians and Yazidis. 
The group justifies the destruction by claiming pre-Islamic art and religious shrines -- whether Islamic, Christian or Jewish -- is idolatrous. And yet, ISIS has sold many of the artifacts to black market buyers to finance its operations.
In November 2016, Michaeel returned to Qaraqosh with his team to collect what ISIS left behind.
“We cried about this kind of image what we saw there. It's horrible. It's some kind of genocide," Michaeel said. 
Many of the documents in Michaeel's collection are written in dead languages including Aramaic, Latin and Ottoman Turkish. They date back centuries, if not more. The oldest is at least 1,100 years old.
"They burned everything ... Ultimately, they burned our history." 

Michaeel's collection isn't limited to Christian texts. There are works on ancient astrology, geography and history, as well as manuscripts belonging to other religions including Yazidis and Muslims.
Michaeel asked that we not share his exact location. He's afraid ISIS could loot the precious collection that remains.

"This kind of collection is very important for humanity. That's why we keep it secret."

Leggi tutto!
 

Iraq's Embattled Christians Call for Safe Haven, International Protection

By Rudaw
14 may 2017

Head of the Catholic and Orthodox Churches in Iraq's Nineveh Plains have called for the establishment of a safe haven under international protection for the country's increasingly persecuted Christians.
The three main Iraqi Churches, the Syriac Catholic Church, the Syriac Orthodox Church and the Chaldean Catholic Church have in a joint statement Friday called on authorities to set up a safe haven for the Christians in the volatile Nineveh province where diverse ethnic and religious group have long clashed over territory and dominance.
"The security and protection of Christian localities in Nineveh Plain, a free zone, and international protection, under United Nations, away from conflicts and rivalries," the head of the Churches write in the joint statement calling for safeguarding the "rights of Christian communities in historical Nineveh Plains."
The statement comes amid public announcements from a Shiite cleric who in challenging remarks described the country's Christians as "infidels."
In his public statements Ali Mousavi, head of the Shiite Waqf bureau, an influential Shiite institution in the country, has said the Christians who chose not to convert to Islam must pay taxes, the so called jazzya, or leave the Muslim areas.
"Jihad should be implemented in regard to the Christians in order for them to convert to Islam, either they will become Muslims or we must fight them, or they ought to pay jazzya," Mousavi said to his followers recently prompting wide Christian condemnations.
The Iraqi government has in the past offered arms and combat training to Christian recruits who have volunteered to join a new force based in the disputed Nineveh province. Also the Kurdish Peshmerga troops have patrolled large parts of the Nineveh Plains which include many Christian localities.
Iraq was home to more than 1.5 million Christians before the country plunged into a sectarian conflict in the mid-2000. But many left the country after systematic attacks on their neighborhoods in Baghdad and elsewhere.
According to reports from the office of Human Rights Committee in Kurdistan Region, the number of Christians in Baghdad has decreased to around 90,000 over the past decade with many of the young Christians leaving for exile.
"The Christian communities in historical Nineveh Plains should be granted their rights to administer their affairs in relation to other communities, according to the constitution and the law and the 1957 census," the head of the Churches write in the statement.
As of last December, Government officials said that more than one hundred churches and monasteries in Mosul alone have been demolished by ISIS militants since 2014. But Christian sites have also frequently been targeted by extremist groups elsewhere in the country including the 2010 October attack on the Syrian Church in Baghdad that killed over 50 people, including many worshipers.

Leggi tutto!
 

Tre vescovi siri chiedono protezione internazionale per i cristiani nella Piana di Ninive. Ma il Patriarcato caldeo si dissocia

By Fides

Sta creando imbarazzo la dichiarazione diffusa venerdì 12 maggio da tre vescovi siri (uno siro- cattolico e due siro-ortodossi) del nord dell'Iraq, in cui si richiedeva la creazione di un'area protetta riservata ai cristiani nella Piana di Ninive, da porre sotto uno scudo di protezione internazionale, per sottrarre i battezzati iracheni da persecuzioni e violenze settarie.
La Provincia di Ninive, disseminata di cittadine e villaggi a maggioranza cristiana, era stata conquistata dei jihadisti dell'autoproclamato Stato Islamico (Daesh) tra la primavera e l'estate del 2014. In quei mesi, decine di migliaia di cristiani iracheni erano fuggiti dai loro villaggi davanti all'avanzare delle milizie jihadiste, in gran parte trovando rifugio nella Regione autonoma del Kurdistan iracheno.
La dichiarazione diffusa venerdì scorso, rivolta alle autorità regionali e nazionali e agli organismi internazionali, è stata sottoscritta da due arcivescovi di Mosul - il siro cattolico Boutros Moshe e il siro ortodosso Mar Nicodemus Daud Matti Sharaf – e da Mar Timotheos Musa al Shamany, Arcivescovo siro ortodosso di Bartellah. I tre arcivescovi chiedono di trasformare la Piana di Ninive in area autonoma, posta sotto la protezione internazionale delle Nazioni Unite, per sottrarla a conflitti e contese e salvaguardare i diritti delle comunità cristiane che in quelle terre hanno il loro radicamento tradizionale. Nella dichiarazione si rivendicava anche il diritto di autonomia amministrativa per le comunità cristiane nella Piana di Ninive, nei villaggi da poco sottratti al controllo delle milizie jihadiste.
A sorpresa, nella giornata di sabato 13 maggio, il Patriarcato caldeo ha diffuso un comunicato ufficiale per far sapere che la dichiarazione diffusa il giorno prima non riflette la posizione della Chiesa caldea, e non la rappresenta. Il comunicato del Patriarcato, diffuso dal Vescovo Shleimun Warduni, rinvia a una recente dichiarazione del Patriarca Louis Raphael Sako. In quel testo, come riportato dall'Agenzia Fides (vedi Fides 6/5/2017), il Primate della Chiesa caldea sottolineava che in questa fase critica la priorità per tanti cristiani iracheni sfollati è quella di provare a tornare alle loro città di origine e alle loro case. Ciò implica l'urgenza di ricostruire le infrastrutture andate distrutte, anche approfittando di aiuti internazionali. Ma solo dopo il ritorno della stabilità nel Paese potranno essere avviati processi per richiedere la creazione di nuove unità amministrative autonome, come strumenti per tutelare i diritti e la continuità di presenza dei gruppi etnico-religiosi minoritari. Ai cristiani – aveva ripetuto il Patriarca Sako – adesso conviene anche “evitare di mettersi in trincea contro altri, magari esprimendo richieste impossibili da realizzare”. 

Leggi tutto!

venerdì, maggio 12, 2017

 

VIDEO: Nassarah

By Baghdadhope*


Rai3. Doc 3 del 17/08/2016
Riccardo Bicicchi

C'è una strage silenziosa che da due anni colpisce i Cristani in Medio-Oriente. Con la conquista di Mosul (l'antica Ninive) da parte dell'ISIS più di un milione e mezzo di cristiani che vivevano perfettamente integrati in Iraq sono stati costretti a fuggire verso il Kurdistan.


Per il video clicca qui

Leggi tutto!
 

Sito cristiano iracheno riporta intimidazioni nei confronti di una famiglia tornata a Mosul est

By Baghdadhope*

Giorni fa era apparsa la notizia dell'inizio dei lavori a Mosul di un comitato incaricato di liberare le case di proprietà dei cristiani costretti ad abbandonare la città nel 2014 dalle famiglie musulmane che nel frattempo ne avevano preso possesso.
Se dovesse risultare vero ciò che oggi riferisce il sito Ankawa.com sarebbe chiaro che il compito di tale comitato sarà molto più difficile del previsto. Secondo il sito cristiano un uomo di Mosul avrebbe fatto ritorno con la famiglia alla sua casa nel quartiere Al-Arabi a Mosul est, (liberato dall'esercito iracheno lo scorso gennaio) dove sarebbe stato accolto da un lancio di pietre contro le finestre e da parecchie persone che, dalla strada, avrebbero apostrofato i membri della famiglia come "kafarah" cioè infedeli.

Non ci sono per ora conferme della notizia da parte di altri siti in lingua araba. 

Leggi tutto!
 

Iraq: giovani cristiani, musulmani e yazidi semi di dialogo nella terra devastata dall’Isis


Per superare la follia omicida dello Stato islamico, che ha insanguinato una terra già martoriata da anni di guerre e violenze, bisogna ripartire “da un progetto di dialogo e incontro a livello locale”. Coinvolgendo, prima di tutto, i bambini e i ragazzi, le nuove generazioni, “alle quali sarà affidato il compito di costruire una convivenza comune” che vada oltre la fede professata. Partendo da queste premesse, p. Samir Youssef, parroco della diocesi di Amadiya (nel Kurdistan irakeno), da tempo in prima fila nell’emergenza profughi, ha promosso un progetto per trasformare “giovani cristiani musulmani e yazidi” in "semi di dialogo” per dare nuova vita a Mosul, alla piana di Ninive, e a tutto l’Iraq.
Parlando con AsiaNews, il sacerdote racconta una iniziativa che è alle fasi iniziali, ma ha già raccolto “la partecipazione entusiasta” di una trentina fra ragazzi e ragazze di tutte le fedi, di età compresa fra i 10 e i 16 anni. “Abbiamo cominciato con un gruppo di circa 30-35 persone - spiega p. Samir - ma per l’estate il desiderio è di aumentare questi gruppi, coinvolgendo anche i giovani delle superiori e gli universitari”. L’obiettivo è di individuare ragazzi “desiderosi di parlare, di comunicare, di testimoniare” che la convivenza è possibile e da qui può nascere “un modello” che può essere applicato in tutto il Paese, e anche oltre. “Abbiamo già iniziato gli incontri - prosegue - anche se per ottenere i primi risultati ci vorrà del tempo. Al momento è stato individuato il primo gruppo, la base sulla quale impostare il lavoro: esso è composto da una decina di cristiani, otto musulmani e sette yazidi. Ci sono anche sabei e turkmeni”.
P. Samir è parroco della diocesi di Zakho e Amadiya (Kurdistan), che cura 3500 famiglie di profughi cristiani, musulmani, yazidi che hanno abbandonato le loro case e le loro terre a Mosul e nella piana di Ninive per sfuggire ai jihadisti. Il sacerdote è in prima linea sin dall’estate del 2014, da quando è iniziata l’emergenza. Con lui e con i vescovi irakeni, AsiaNews ha rilanciato nelle scorse settimane la campagna "Adotta un cristiano di Mosul"  per aiutarli ad avere cherosene, scarpe, vestiti per l’inverno, e sostegno per la scuola ai bambini.
In questa prima fase il gruppo si è già incontrando un paio di volte, per gettare le basi del lavoro per il futuro, che proseguirà per tutta l’estate. “Attraverso questa esperienza - sottolinea p. Samir - questo gruppo può diventare il sale e la luce di questa terra, coinvolgendo tutta la popolazione. Dialogare prima di tutto all’interno delle proprie case, spiegando i temi e gli argomenti trattati durante gli incontri. Un modo per far conoscere alle proprie famiglie le altre religioni, creando una base comune di dialogo. Spesso cose grandi nascono da cose piccole”.
Molte le idee, i progetti che il parroco intende promuovere in occasione degli incontri: dalle testimonianze di bambini “speciali”, che hanno vissuto nelle mani dello Stato islamico (SI), o che hanno perso il padre o la madre per mano dei jihadisti, E ancora, organizzare uno o più campi estivi aperti anche ad altri giovani di tutte le fedi, dove sviluppare ancor più questi elementi di confronto e dialogo. “Vorremmo inoltre - continua p. Samir - proiettare dei film durante gli incontri, che abbiano come tema Dio, le religioni, la spiritualità. Il primo di questi potrebbe essere ‘Una settimana da Dio’ di Jim Carrey, in cui il protagonista pensa di sostituirsi a Dio risolvendo tutto, ma poi scopre i propri limiti. E che serve pazienza per ottenere dei risultati duraturi”.
Con i frutti del lavoro di questo primo gruppo di giovani, che poi si vorrebbe ampliare, l’idea è quella di “dare vita a un sito web che racconti gli incontri, i viaggi, le testimonianze”. Una pagina che, a dispetto dei social troppo spesso veicoli di odio e divisioni, sia un “un luogo virtuale di incontro e confronto, una testimonianza del vivere insieme”. “Bisogna partire dalle nuove generazioni - prosegue il sacerdote - di questo Paese, che è attraversato da quattro grandi fiumi: il Tigri, l’Eufrate, il fiume del petrolio e quello delle grandi religioni. Un fiume di potenza e di vita, che possa portare la pace nel mondo partendo da una terra che, fin dall’antichità, è sempre stata un faro della civilizzazione”. Per portare compimento questo progetto “che parte dalla mia parrocchia”, conclude p. Samir, è necessario guardare “alla testimonianza e agli insegnamenti di papa Francesco, partendo proprio dall’ultimo viaggio apostolico in Egitto. Una visita che è stata seguita con attenzione e che ha fornito una grande testimonianza nel cammino del dialogo e dell’incontro. Per me Francesco è un grande insegnante ed è sempre più apprezzato e seguito anche da famiglie musulmane e yazide. Spesso quando mi vengono a trovare, loro che non sono cristiani, mi chiedono di riferire loro gli ultimi discorsi, le ultime testimonianze del pontefice”.

Leggi tutto!

This page is powered by Blogger. Isn't yours?