venerdì, ottobre 21, 2016


Iraq, la gioia dei cristiani di Qaraqosh / VIDEO

By Avvenire
Luca Geronico

Quando martedì sera è giunta la notizia che Qaraqosh era stata libera anche nel centro di accoglienza di Nestiman, nel centro di Erbil, è scoppiata la festa popolare. Da Qaraqosh proviene almeno il 50 per cento dei profughi cristiani da due anni ad Erbil.
"È stata come la festa quando si annuncia la Pasqua, anzi ancora di più. Ci è venuta la pelle d'oca", spiega padre Jalal Jako, rogazionista pure lui nativo della cittadina cristiana a una cinquantina di chilometri da Mosul. Una festa per la liberazione e la speranza di fare ritorno a casa.
Poi, però, la notizia che il Daesh era riuscito a rientrare in alcuni isolati infestati di cecchini. La città, attraverso il tam tam dei social, è descritta semidistrutta e deserta. "Non è possibile ritornare così", dicono tutti. Dopo la gioia per la liberazione ancora incertezza e la sofferenza di prolungare l'attesa nei campi profughi. 

Leggi tutto!

The Liberation of Mosul: Christian Hopes and Fears

The liberation of Mosul and its surrounding villages from the grip of the Islamic State group (ISIS) is offering hope for Iraqi Christians and other religious minorities in the region, but restoring trust and guaranteeing security will be a much longer process once the military operation is completed.
This is the general opinion of Iraqi Christians and aid workers after Iraq’s Prime Minister Haider al-Abadi declared Oct. 16 the beginning of an assault to recapture Mosul, the country’s second-largest city.
Around 30,000 pro-government forces made up of the Iraqi army, Kurdish peshmerga soldiers and Sunni tribal militia are taking part in the liberation. Coalition forces are also providing military support largely through air power. At the time of this writing, al-Abadi said the operation to retake the city was proceeding faster than planned.
The liberation comes two years after ISIS invaded Mosul and surrounding towns and villages, many of which were predominantly Christian, causing many casualties, inflicting countless atrocities, and forcing hundreds of thousands to flee.
Around 125,000 internally displaced Christians were joined by other religious minorities, including Yazidis and Shiite Muslims. Those who didn’t end up in camps or find refuge in other parts of Iraq fled the country, many seeking asylum in nearby Turkey, Lebanon and Jordan.
Once the city and region are liberated, Christians are therefore expected to seek to return to their homes. But their problems are unlikely to end there.
“There needs to be a healthy sense of reality, and one shouldn’t imagine that once ISIS is defeated life will be back to normal,” said Father Benedict Kiely, founder of, which helps assist persecuted Christians, and a frequent visitor to Iraq.
Father Kiely said concerns revolve around three main issues: who will protect the Christians when they go back; how can they live with their neighbors, many of whom betrayed them by taking their homes or siding with ISIS; and who will run the region and towns once they are liberated.  
He said ISIS is the “great monster” now, but he recalled that even before they came on the scene, Iraqi Christians were being killed and kidnapped by other jihadists. Once ISIS leaves, another group with a different name is likely to “take their place,” and so “who will protect them if they can go back?”

Lack of Trust
Reports are already circulating of some Christians taking matters into their own hands and creating militias to defend themselves and their property. They have little faith in the regional and central governments, especially after protection that was promised them in 2014 did not materialize.
A major concern is lack of trust, one echoed by Elisabetta Valgiusti, an EWTN documentary filmmaker on Iraq and persecuted Christians. After ISIS’ 2014 offensive, a number of Muslim neighbors of Christians contacted them to say they had “got their homes and were taking their stuff,” Valgiusti said.
She also raised the possibility that some Muslims will have been radicalized by ISIS and will be hard to spot after the liberation, as has happened after the freeing of other Iraqi cities in the past.
“Most of them were forced to live alongside ISIS, but some actively joined them,” Valgiusti said. “But how do you recognize a jihadist, even here in Europe?” Already there are reports of ISIS fighters in Mosul shaving off their beards and changing the way they dress to blend in with the civilian population.
But like Father Kiely, Valgiusti believes greater concerns involve safety guarantees for Christians and clarity over who will rule them. “These Christian villages are in the middle of a completely Muslim zone,” she noted, and have always felt “isolated.” She also highlighted that few Iraqi Christians can leave the country because they don’t have refugee status (they are internally displaced people) and so feel trapped with few rights.

‘No Real Plan’
Father Kiely voiced apprehension that there also “seems to be no real plan” once ISIS is defeated and that hopes for some kind of Christian protectorate are perhaps overly optimistic. He said some Iraqi Christians he had spoken to believe that such an enclave would take at least 10 years to realize, and it remains unclear who will create and manage it.
“Neither the U.N. nor the U.S. shows any interest in protecting Christians or anyone else,” he said.
Other factors impacting whether Christians will return to their homes are the state of their houses and churches, some of which have been used for sacrilegious acts such as torture, and whether they will have jobs. All of this makes some Iraqi Christians believe that relatively few will actually go back, with some estimating that only 20% to 30% of Christians will do so, according to Father Kiely.
He nevertheless said it’s important to remain hopeful and recalled the resilience of Iraqi Christians, who for many years have suffered this cycle of “return, persecution, exile and then return.”
Despite the challenges, Alessandro Monteduro, director of the Italian branch of the Catholic charity Aid to the Church in Need, also believes the liberation “feeds hope” and agrees that at the same time, once it is permanently freed, Iraqi Christians must “face the reality.” The city of Mosul, he said, “will be totally different from the one abandoned in 2014 by those who took refuge in Kurdistan,” he said.
Some relationships will also be hard to heal. “Meeting so many Christian families in Erbil or Duhok [in Kurdistan], it was easily perceptible, for example, that a source of deep pain for them was having been betrayed by their neighbors, Sunni Muslims who had preferred to accompany the men of the caliph when they first arrived in the city.”

Civilians at Risk
By Oct. 20, Iraqi military sources had claimed victories in 54 villages around Mosul, but an estimated 1.5 million people remain trapped in the city and unable to escape, hostage to an around 3,500 to 5,000 ISIS fighters. Foreign fighters have reportedly disappeared from Mosul, leaving its defense to local ISIS militia who are executing civilians who show support for the liberators, according to some reports.
Meanwhile, Father Michel Roy, secretary general of Caritas Internationalis, has warned that the battle for Mosul is likely to result in heavy civilian casualties, and he has blamed the U.S. and Russia for using the Middle East for their own interests, without regard for the suffering people.
Just a day after the operation began, the military reported that pro-government forces had liberated the once totally Christian town of Qaraqosh, just south of Mosul. The majority of Qaraqosh’s 55,000 inhabitants, mostly Syriac Catholics, fled their homes with little more than the clothes on their backs when it fell to ISIS in the summer of 2014, and many of them have been living in camps in Erbil and other parts of Kurdistan ever since.
Although military sources say Qaraqosh is not quite liberated (some jihadists are said to still be hiding in homes), exiled citizens in Erbil, the capital of Kurdistan, celebrated the first signs of liberation with songs, dances and Masses.

Patriarch Sako
In an Oct. 19 statement, Chaldean Patriarch Mar Raphael Louis Sako renewed his call for national unity so the military campaign will be successful. He urged an “end to disputes” and to put the good of Iraqis “before and above everything else” so that “real communal reconciliation” can take place.
Patriarch Sako said he also hoped for “a quick solution” through the establishment of a “genuine and civil democracy” which, he believes, “is the only way for our absolute recovery.” He further called on the international community “to take concrete steps” so that Iraq and the region “regain their security and peace.”
Despite the expected future hardships and challenges for Iraq’s Christians, this is “a time of hope,” Monteduro said. “But it is good to feed this hope with one’s feet firmly on the ground, without cultivating illusions that tomorrow everything will be resolved.” 

Edward Pentin is the Register’s Rome correspondent.

Leggi tutto!

Iraqi forces liberate another Assyrian town from ISIS en route to Mosul

The imperative town of Bartella has been captured by Iraqi forces. The town lays 21km to the east of Mosul and is on the Mosul highway.
The town had a pre-ISIS invasion population of around 30,000 in which was traditional an Assyrian majority settlement before mass migration by Shabaks and Kurds made them the minority in 2003.
In the operation to liberate Bartella, four senior ISIS figures and a further 18 killed following heavy artillery fire.

Leggi tutto!

La gioia dei primi cristiani iracheni liberati (VIDEO)

By Aleteia
Jesús Colina

L’allegria dei cristiani liberati dalla tirannia dell’autoproclamatosi Stato Islamico è contagiosa, come dimostrano le immagini di questo video.
Sono i cristiani del villaggio di Qaraqosh, a sud di Mosul, rimasti intrappolati nel terrore jihadista dal giugno 2014, quando la città cadde sotto il loro dominio.
Sono stati accolti dai loro fratelli cristiani a Erbil, capitale della regione autonoma del Kurdistan iracheno, e hanno festeggiato con canti e danze – tipiche dell’allegria irachena – nella chiesa di Mar Shimon (San Simone).
Hanno lasciato Qaraqosh grazie all’operazione militare delle forze armate irachene, che in questi giorni hanno combattuto per la liberazione di Mosul.
Il video è stato diffuso dall’agenzia italiana Askanews.
[Traduzione dallo spagnolo a cura di Valerio Evangelista]

Leggi tutto!

Padre Waheed Tooma: paure e speranza per Mosul

Le forze armate irachene sono entrate a Qaraqosh, la città cristiana più grande della piana di Ninive. Tra i suoi abitanti, chi non è emigrato in Turchia e Libano, con la speranza di raggiungere l’Occidente, vive ormai da due anni a Erbil, insieme ad altre migliaia di sfollati, cacciati dalle loro case nell’estate del 2014 dallo Stato islamico. La battaglia di Qaraqosh è solo un antipasto, una tappa verso la guerra di Mosul, difesa da 5 mila jihadisti (come minimo).
Giornali e televisioni hanno diffuso le immagini di centinaia di profughi di Erbil che hanno festeggiato alla notizia della conquista di Qaraqosh. Ma se è vero, come si legge, che sono pronti a rientrare nelle loro case, lo faranno solo a certe condizioni.
«Speriamo che i cristiani possano abbandonare i campi profughi e tornare ai loro villaggi e alle loro città l’anno prossimo», dichiara alla Nuova BQ padre Waheed Tooma, superiore generale cattolico caldeo del monastero di Ormisda ad Alqosh, appena mezz’ora di auto da Mosul. «Speriamo e preghiamo che Dio aiuti l’esercito iracheno e i peshmerga a liberare i nostri villaggi, ma anche che questa drammatica situazione non si ripeta mai più in Iraq».
Per sconfiggere l’Isis a Mosul potrebbero volerci mesi ma anche dopo la cacciata dei jihadisti ritornare a Qaraqosh e negli altri villaggi della piana di Ninive non sarà facile. Innanzitutto, bisognerà bonificare le aree: «Nessuno può rientrare fino a quando non si mettono le case in sicurezza», continua padre Tooma. L’Isis infatti è solito minare le abitazioni prima di battere in ritirata per impedire che possano essere riutilizzate. «L’anno scorso sono morte due persone così, stavano entrando in una casa di un villaggio che i peshmerga hanno liberato dall’Isis. E sono saltati in aria. Se i villaggi non vengono ripuliti, nessuno può farvi ritorno».
Il secondo problema riguarda il futuro: chi è disposto ad abitare in un villaggio fantasma con la consapevolezza che i terroristi islamici possono attaccare di nuovo in ogni momento? «Senza una forza occidentale e internazionale che garantisca la sicurezza dei villaggi, nessuno tornerà», spiega il superiore generale. «Devono assicurarci che quanto accaduto nel 2014 non si ripeterà. Qualcuno deve difendere i cristiani perché non possiamo vivere nella paura di essere di nuovo attaccati da musulmani fanatici. Bisogna rendersi conto che nessuno ne può più, non potremmo sopportare un altro esodo».
Il terzo fattore di preoccupazione per i cristiani profughi a Erbil, e non solo, è la divisione fra sunniti e sciiti che continua a destabilizzare il paese. «È dal 2003 che i cristiani pagano il prezzo di questa frattura. Se le due anime dell’islam non si riappacificano, questo paese non conoscerà mai la pace.  Anche la battaglia di Mosul potrebbe essere rovinata. Guardiamo cos’è successo a Falluja: c’è stato un massacro. La città ora è abitata solo da sunniti e l’esercito è sciita, che cosa succederà? Questa inimicizia continua a mietere vittime».
Padre Tooma però ha anche un’ultima paura che oscura la gioia per l’avanzata dell’esercito. E si chiama Turchia. L’esercito del presidente Erdogan da un anno ha stanziato nella Piana di Ninive un contingente dell’esercito con il consenso dei curdi, ma senza quello del governo sciita. E c’è da credere che sono entrati nel paese con lo scopo di restarci. Il presidente turco ha anche dichiarato che a Mosul dovranno vivere solo sunniti e turcomanni. «A Mosul devono per forza tornare anche cristiani, curdi, yazidi, sciiti», protesta il sacerdote iracheno. «Erdogan pensi a risolvere i problemi del suo popolo e quelli con il Pkk, poi può venire a risolvere anche i nostri. Da troppo tempo paghiamo il prezzo della mancanza di un governo forte, che impedisca ai paesi stranieri di mettere il naso nei nostri affari. Tutte le nazioni intorno all’Iraq vogliono intromettersi. La Turchia è matta o finge di essere matta. La verità è che vuole prendersi un pezzo della torta irachena, un pezzo del nostro paese, del popolo iracheno o di Mosul a loro non importa nulla. Stanno facendo quello che ha fatto l’America nel 2003: quando hanno abbattuto Saddam Hussein, non sono mica venuti per liberare il popolo! Sono venuti per il petrolio. In questa politica sporca ognuno agisce per i propri interessi, nessuno pensa al popolo iracheno. Questo non è giusto».

Leggi tutto!

Iraq, attacco Isis a Kirkuk. Il vescovo: presi ostaggi in moschea. Uccisi 40 jihadisti

By Il Messaggero

Sono «una cinquantina» i jihadisti dell'Isis che hanno attaccato stamattina Kirkuk, nel nord dell'Iraq. Di questi «40 sono già stati uccisi». Lo ha detto all'agenzia Ansa l'arcivescovo caldeo di Kirkuk, mons. Yousif Thomas Mirkis, a Venezia per un convegno del Ppe, che stamattina ha potuto contattare la sua città per avere informazioni su quanto sta accadendo.

I jihadisti dell'Isis hanno lanciato un attacco contro alcuni edifici governativi a Kirkuk, riferiscono i media curdi che trasmettono le immagini in diretta che mostrano i blindati dell'esercivto iracheno in azione «per eliminare i terroristi». Si sono verificate almeno 3 esplosioni, probabilmente causate da kamikaze, mentre un numero imprecisato di cecchini è appostato nei pressi di un edificio ora preso d'assalto dalle forze di sicurezza.

I jihadisti dell'Isis che hanno attaccato Kirkuk stamattina «hanno preso delle persone in ostaggio in una moschea nel quartiere chiamato 1/o settembre, approfittando del venerdì di preghiera», ha detto ancora l'arcivescovo, riferendo le informazioni che ha ricevuto stamani dalla sua città. L'arcivescovo ha confermato che gli accessi alla città sono
chiusi e che si spara ovunque.
Una nuvola di fumo nero avvolge il Majdi Palace di Kirkuk, da dove un cecchino dell'Isis spara sulle forze di sicurezza curde: in tutta l'area risuonano raffiche di armi automatiche, come mostrano le immagini trasmesse in diretta dalle tv locali, riprese da alcune telecamere fisse della città.

Dopo gli attacchi di stamattina, Kirkuk è stata completamente isolata: le forze Peshmerga non consentono l'ingresso a nessuno ai check point di ingresso nella città irachena, dove affermano di aver decretato il coprifuoco. In quello settentrionale, centinaia di camion formano una coda di 5 chilometri, mentre vengono lasciati entrare solo mezzi carichi di rinforzi militari.

Le immagini mostrano un edificio nel centro della città dove si sta concentrando l'attacco delle forze di sicurezza irachene. Si percepiscono chiaramente i colpi di armi automatiche mentre una nuvola di fumo nero avvolge l'edificio.

Dopo l'inizio dell'offensiva su Mosul, è stata elevata l'allerta in tutta la regione settentrionale dell'Iraq: nella tarda serata di ieri anche a Erbil i peshmerga hanno allestito check-point lungo le strade principali di accesso soprattutto nei pressi del quartiere cristiano della città, proprio per il timore di attacchi da parte dei jihadisti.

L'assalto con fucili e bombe contro un compound della polizia è stato rivendicato dai jihadisti dell'Is tramite l'account della loro agenzia Amaq sui social media. Esplosioni hanno colpito anche altre luoghi della città. La tv curda Rudaw ha mostrato immagini di colonne di fumo nero sulla città, mentre si sentono in lontananza rumori di spari. Citato dalla stessa tv, il governatore di Kirkuk, Najmadin Karim, ha precisato che i jihadisti non sono riusciti a prendere il controllo di alcun edificio pubblico.

L'attacco a Kirkuk arriva mentre le truppe irachene e quelle della regione del Kurdistan avanzano verso la città di Mosul, roccaforte irachena dell'Is. Sembra quindi trattarsi di un tentativo di distogliere i militari da quell'operazione, aprendo un nuovo fronte di battaglia.

Leggi tutto!

Dall'Iraq e dal Kosovo i primi due ospiti dei "letti di Francesco"

By IMG Press

Negli anni Nameere sua moglie Elhamhanno formato una famiglia numerosa e felice. Lui veterinario, lei insegnante, a casa 4 figli: il maggiore con gravi problemi alla vista; il terzo disabile per una paralisi celebrale alla nascita. Fino all’arrivo dell’ISIS, vivevano felici nella città di Kirkuk, il più grande centro petrolifero dell’Iraq. La sera del 2 giugno del 2014 Nameer stava tornando a casa dal lavoro quando è stato fermato da uomini armati con il volto coperto. Dopo essere stato tirato fuori dall’auto con la forza, si è ritrovato con un’arma puntata sulla fronte. “Conosciamo bene la tua famiglia di cristiani infedeli. Non avete il diritto di vivere in Iraq. Ve ne dovete andare, altrimenti vi uccideremo”. La fuga è obbligata. 

L’8 settembre 2014 arrivano in Giordania, dove vengono accolti dalla Chiesa locale e la Nunziatura di Amman. Le minacce di morte sono finite, ma le condizioni di salute di due dei loro figli si aggravano, in particolare la figlia più piccola quattordicenne ad Amman non può seguire una corretta attività di riabilitazione e non ha accesso alle medicine necessarie. È stato Don Mario Cornioli, sacerdote toscano in servizio al Patriarcato Latino di Gerusalemme,a segnalare questo caso al Seraficoche con il progetto “I Letti di Francesco” potrà dare nuova speranza a questa famiglia di rifugiati. Il loro trasferimento in Italia è stato possibile grazie al programma di reinsediamento gestito dal Ministero dell’Interno – Dipartimento Libertà Civili e Immigrazione e cofinanziato dal Fondo Asilo Migrazionee Integrazione dell’Unione Europea.
Eddy, un bambino microcefalo di 6 anni, è arrivato in Italia da un piccolo paesino del Kosovo dove viveva in condizioni di estrema povertà con i suoi genitori e i suoi 3 fratelli. Eddy ha una tetraparesi spastica, serie difficoltà ad alimentarsi, soffre di epilessia ed è soggetto a continui problemi respiratori. Un quadro clinico troppo pesante per i suoi genitori che lo hanno lasciato partire per l’Italia. Oggi Eddy è stato accolto in affido da una famiglia di Assisi ed è in cura al Serafico dove è stato elaborato per lui un “Progetto Riabilitativo Individuale”, definito da un’équipe multidisciplinare di alta specializzazione. Il primo obiettivo è arrivare ad una stabilità clinica, dopodiché si partirà con la fase riabilitativa. Eddy sta già reagendo molto bene alle prime terapie. “Nei primi giorni era praticamente immobile, ora attira l’attenzione con un lamento, sorride sempre, è rilassato. In poche settimane è diventato un altro bambino”, racconta Laura, un’operatrice del Serafico.Gli stimoli affettivi, tattili, e corporei che sta ricevendo confermano la validità del “metodo Serafico”: la relazione incide sui trattamenti. “L’abbraccio, la risposta ad uno stimolo, ogni manovra o azione di riabilitazione nel bambino, come nell’adulto, passa attraverso la relazione che è fatta di contatto, tono di voce, di empatia. Bisogna saper cogliere i bisogni e rispondervi”, spiega Sandro Elisei, Direttore sanitario del Serafico. 

Secondo il Primo Rapporto Mondiale sulla Disabilità, messo a punto nel 2011 dall'Organizzazione Mondiale della Sanità e Banca Mondiale, sono oltre un miliardo le persone, circa il 15% della popolazione mondiale, che vive con qualche forma di disabilità e almeno 93 milioni sono bambini. Sono loro ad essere maggiormente colpiti dalle forme più diverse di esclusione, a seconda del tipo di disabilità che presentano, del luogo in cui vivono e della cultura o della classe sociale a cui appartengono. La disabilità colpisce soprattutto i paesi più poveri, teatro spesso di eventi bellici, dove è facile che i servizi di riabilitazione siano spesso inadeguati, se non addirittura inesistenti.Nel sud del mondo, denuncia il Rapporto UNICEF "La condizione dell’infanzia nel mondo 2013 - Bambini e disabilità", tra i 250.000 e i 500.000 bambini sono a rischio di diventare ciechi per mancanza di vitamina A, che costa solo pochi centesimi. La differenza di genere è un altro fattore chiave di discriminazione: le bambine con disabilità hanno minori possibilità, rispetto ai coetanei maschi, di ricevere cibo o cure.Anche se si guarda più in generale al mondo del lavoro,la disparità è ben evidente: le privazioni subite nell’infanzia possono limitare l’accesso a un impiego o alla partecipazione ad una vita produttiva.Perfino nei paesi OCSE, la percentuale di occupati tra le persone disabili è del 44%, mentre sale al 75% tra i normodotati.

Il Serafico, fondato nel 1871, è un modello di eccellenza italiana ed internazionale nella riabilitazione, nella ricerca e nell’innovazione medico scientifica per i ragazzi con disabilità plurime. Convenzionato con il Servizio Sanitario Nazionale per trattamenti riabilitativi residenziali, semiresidenziali ed ambulatoriali, il Seraficoaccoglie e cura ogni giorno 150 pazienti, provenienti da tutto il territorio nazionale, per un totale di 10.895 trattamenti riabilitativi e 12.322 trattamenti educativi-occupazionali all’anno (dati 2015). In una superficie complessiva di circa 10.000 mq, posta su di un'area di 40.000 mq, sono disponibili 72 posti letto in regime residenziale, 20 posti letto in regime semi-residenziale, oltre ad un servizio ambulatoriale e di valutazione diagnostica-funzionale. Le persone al servizio degli utenti sono 267: 162 dipendenti, 6 collaboratori e 99 volontari, che mettono in campo non solo capacità e competenze, ma anche un “capitale di umanità” in grado di entrare in sintonia con i pazienti.

Leggi tutto!

Dichiarazione del Patriarcato caldeo

By Patriarcato Caldeo
Tradotto ed adattato da Baghdadhope

Per prima cosa vorremmo salutare con orgoglio il coraggioso esercito iracheno, la polizia federale, i Peshmerga e le forze Mobilitazione Popolare e della coalizione che partecipano alla liberazione di Mosul e delle città dell’area di Ninive. Assicuriamo loro il nostro sostegno in questo compito nobile e difficile e offriamo le nostre preghiere giornaliere al Signore Onnipotente perché li protegga.
Ci auguriamo che tutte le aree occupate dell'Iraq siano liberate rapidamente e con minime perdite umane e materiali, per iniziare la rimozione delle mine e il processo di ricostruzione in modo da consentire alle famiglie sfollate di tornare alle proprie case, soprattutto considerando che siamo alle soglie dell’inverno.
In questa occasione nazionale esortiamo tutti gli iracheni a fare la scelta più difficile, una vera e propria riconciliazione necessaria per mantenere l'unità della loro patria e proteggere la vita dei suoi cittadini esausti dai conflitti in corso. Essi sono desiderosi di veder garantiti loro la piena cittadinanza, l’uguaglianza nei diritti e doveri e il rispetto dei diritti umani.
Essi vogliono e si aspettano una patria per tutti i suoi cittadini di diverse fedi e nazionalità, e un paese stabile in cui i rapporti si basino sul rispetto reciproco, l'accettazione delle differenze e il rifiuto dell'estremismo.
Il Signore conceda la pace in Iraq

Leggi tutto!

Statement by the Chaldean Patriarchate

By Chaldean Patriarchate

First, we would like to greet proudly the Iraqi courageous army, the federal police, the Peshmerga and the Popular Mobilization and coalition forces sharing in the liberation of Mosul and the towns of the Nineveh area. We affirm our support to them in this noble and difficult task and offer our daily prayers to Almighty Lord to protect them.
We wish that all occupied areas of Iraq to be freed quickly and with minimal human and material losses, to start the removing of the mines and the reconstruction process so to enable the displaced families to return to their homes, especially considering we are at the onset of winter.
In this national occasion we urge all Iraqis to take the most difficult choice, which is a real reconciliation necessary to maintain the unity of their homeland and to protect the lives of its citizens exhausted by ongoing conflicts. They are eager to be guaranteed full citizenship, equality in rights and duties and the respect of human rights.
They wish and expect a homeland for all its citizens of different creeds and nationalities, and a stable country in which relations are based on mutual respect, acceptance of differences and the rejection of extremism.

Lord Grant Iraq Peace

Leggi tutto!

giovedì, ottobre 20, 2016


Iraqi Christians rejoice after the liberation of Qaraqosh

Maria Lozano

On 6th August 2014 the plain of Niniveh was overrun by the forces of IS. It was the beginning of a time of exile for the more than 100,000 Christians living there. One week later, representatives of the Catholic charity Aid to the Church in Need (ACN) visited the Kurdish capital Erbil, where many of these Christians had sought refuge. They found many people there from the town of Qaraqosh. This was in fact the most populous town in the plain of Niniveh and practically totally Christian, with some 50,000 inhabitants and 10 Christian churches. The people had to abandon everything and flee for their lives.
Two years, 2 months and 12 days later, news reached ACN of the liberation of Qaraqosh, filling us with great joy.
Johannes Heereman
, the president of ACN read out the news with great emotion: “Qaraqosh is free! – and it appears that parts of the neighbouring communities of Bartella and Karamlesh have also been liberated. All these are names of places that have been so much in our prayers over the past two years”, he added.
According to a report by Emanuel Youkhana of the organisation CAPNI, the IS fighters did not put up any real resistance, but retreated, leaving behind just a few snipers.
The people of Qaraqosh, which is also known as Baghdida, are overjoyed at the news, and social networks are rapidly filling with videos and photos of people celebrating, singing and praying. But the past two years and 207 days have changed the lives of its inhabitants. Thanks to the new social media, such as Facebook and Whatsapp, it is not difficult to make contact with some of the individuals with whom we share those earlier days of anguish and fear.
Aded, who lost a son and a nephew that day – both killed by a grenade that fell in the garden of their home – fled to France with his wife and his daughter, who is undergoing medical treatment. As a result he had to wait for two years, while the rest of his family and his parents remained in Erbil. “Today all the Christians who used to live in this area are very happy, yet we are worried about the future. People are afraid to return to their homes, and as long as there are no international forces to protect them, they will not return”, he says.
was a seminarian when he was forced to flee from Qaraqosh. A few weeks ago he was ordained to the priesthood, and the news reached him during a visit to Baghdad. “The first thing I want to do is to give thanks to God. I am so happy. I always believed it would happen one day, but I almost cannot wait to see the town. When I heard the news, I thought: good has triumphed over evil. God does not want to see his people still more unhappy; he wants us to be happy. We are very happy, and we are praying to be able to return to our homes one day. Now the eyes of the whole world are on Mosul”, he told us.
Chaldean Catholic Patriarch Rafael Louis Sako shared his reactions with ACN from Berlin, where he is taking part in a working party to discuss the future of Iraq, and in particular that of its minorities. “I hope that the liberation of Mosul and the plain of Niniveh, which is underway, will succeed fully. This is a sign of hope for all of us”, he told ACN. A moment of great joy and hope, but at the same time one of uncertainty, since it is not difficult to see the great challenge that is presented by the liberation of the Christian towns and villages of the plain of Niniveh.
Some of the key requirements for a successful return of the Christians to their ancestral homes were outlined by Patriarch Sako in the vision he presented in Berlin to the former US ambassador to Iraq, Mr Ryan Crocker: “I hope the liberation of Mosul and the Nineveh plain that has started can be successful. This is a sign of hope for all of us. After the liberation and the end of these conflicts, the Western governments involved should assist the refugees in returning to their homes; securing areas of conflict; providing full protection for them; restoring their rights and properties; contributing to the reconstruction of towns and cities; compensating the resulted damages and helping the restoration of the cultural and religious heritage of all its components.”
Johannes Heeremann
, executive president of ACN, shares the concerns of the Chaldean patriarch. “The liberation of such a significant city as Qaraqosh fills us with great joy and hope; however it is merely the first step. It is going to be a long and difficult journey, since security must be guaranteed and peace must be consolidated. For our part ACN will continue to work and help the Iraqi Christians as it has done throughout the past stages of the crisis.”

Leggi tutto!

Christian villages are next hurdle in fight to retake Mosul from ISIS


CBS News correspondent Holly Williams is on the new front line in the battle to retake Mosul from ISIS -- a front line that is shifting fast.
Peering over an earthen berm built by Kurdish fighters, Williams could see the forces building a new defensive position even closer to the no-man’s land between them and the entrenched ISIS militants. The Iraqi Kurds have recaptured about 20 villages in the area east of Mosul from the extremists in the last two days, since the offensive to retake the city began.
Williams is with Kurdish forces along the main road into Mosul. Further down the road is the town of Bartella, which sits just three miles from ISIS territory. It was seized by the Islamic militants when the group blitzed across northern Iraq two years ago.
Bartella was a Christian town, and CBS News visited it just weeks before it was captured by ISIS and spoke to the Christian militiamen who were trying to defend it.
It is -- or was -- an ancient Christian community, but the residents all fled their homes as ISIS encroached. When Williams was there last, she saw residents worshipping in Aramaic, the language that was spoken by Jesus Christ.
If Bartella and the other Christian towns in the area can be recaptured, then the next stop will be the city of Mosul itself.
ISIS released a propaganda video on Tuesday, attempting to show life going on as normal inside the city. It also showed extremists engaged in firefights, ostensibly trying to defend against the offensive launched by the Iraqi government and its allied Kurdish forces.
But Williams notes ISIS also released images Tuesday of another barbaric execution of a man they claim was a spy. Most of the video is too disturbing to show, but it is typical of the brutality that has also become part of normal life under ISIS and its so-called Islamic State.

Leggi tutto!

Iraqi, Assyrian Forces Launch Assault to Liberate Key Village in Northern Mosul

The Iraqi Army's 9th Armored Division, backed by the Nineveh Plains Protection Units (Assyrian forces) and Popular Mobilization Units (Hashd Al-Sha'abi), launched a new assault in northern Mosul today, targeting the Islamic State-held town of Batnaya.
Batnaya is a historically Assyrian town that was captured by the Islamic State in mid-2014.
As a result of the Islamic State's occupation, most of Batnaya's residents were forced to flee to the Irbil Governorate in order to avoid persecution by the terrorist forces.
Its liberation by the Iraqi Armed Forces will play a crucial role in their upcoming assault on Mosul, as this Assyrian town is situated just 22 km north of the provincial capital.

Leggi tutto!

La Mosul liberata, “un grande segno di speranza” per un Iraq “unito e guidato da un governo forte”


Le notizie dell'offensiva irachena per riconquistare Mosul, nella mani dello Stato Islamico dal 2014, rinfocola la speranza delle decine di migliaia di cristiani sfollati in Kurdistan di tornare nelle loro case nella seconda città irachena e nella vicina Piana di Ninive. Desiderosi di ritornare e di coltivare il dialogo con tutti gli altri iracheni, sunniti, sciiti e delle altre fedi, i cristiani chiedono "un Paese unito sotto un governo forte" capace di garantire sicurezza e stabilità. La testimonianza dell'arcivescovo siro-cattolico di Mosul, Kirkuk e del Kurdistan, monsignor Petros Mouche. Un appello del patriarca caldeo, Louis Raphael Sako, a porre "il bene comune del Paese e di tutti gli iracheni prima e al di sopra di ogni altra cosa"
L’aveva annunciata come “l’ora della vittoria” contro Daesh, nel suo discorso alla nazione, il premier iracheno Haider al-Abadi, ma l’offensiva militare avviata per riconquistare Mosul sembra già subire i primi rallentamenti. Dopo l’euforia del primo giorno sembra farsi spazio ora una più realistica cautela visto che le truppe irachene, con quelle peshmerga curde, con le milizie paramilitari sciite quelle e degli altri alleati, circa 30 mila soldati, sostenute dagli aerei della coalizione internazionale a guida Usa, devono fare i conti con la resistenza dei combattenti dello Stato Islamico, stimati in circa 6mila, asserragliati a Mosul e nei villaggi vicini, dopo aver disseminato il terreno di trappole esplosive, di cecchini e pronti a usare i civili come scudi umani.
Una città simbolo. Un’offensiva studiata da mesi per riprendere la seconda città irachena, un luogo simbolo di questa guerra siro-irachena, perché da qui Abu Bakr al-Baghdadi, il 29 giugno del 2014, dichiarò la nascita del Califfato. Abitata un tempo da circa due milioni di persone, oggi ne resterebbero solo poco più della metà. Sulla loro sorte si appunta l’attenzione delle Nazioni Unite. Secondo l’Ocha, l’ufficio Onu per il coordinamento degli affari umanitari circa 200mila persone potrebbero essere costrette a fuggire nelle prime settimane dopo l’inizio dell’offensiva militare anti-Isis a Mosul. I combattimenti sono ancora lontani dalle zone urbane più popolate ma uno scenario più pessimistico dell’Onu parla di un milione di sfollati, con circa 700mila persone in cerca di un alloggio di emergenza. Per proteggere i civili in fuga, precisa l’Ocha, sono stati allestiti rifugi per circa 60mila persone in campi e siti di emergenza e accelerato l’allestimento di ulteriori siti, con una capacità per circa 250mila persone. Secondo l’Unicef, l’offensiva esporrà a gravi rischi oltre mezzo milione di bambini e le loro famiglie. “I bambini di Mosul hanno già sofferto enormemente negli ultimi due anni.  
Molti potrebbero essere costretti a fuggire, rimanere intrappolati tra le linee di combattimento, o catturati nel fuoco incrociato”, sottolinea Peter Hawkins, Rappresentante Unicef in Iraq. Sul terreno, intanto, i peshmerga da est, e le truppe irachene da sud hanno ripreso il controllo di alcuni villaggi, dedicandosi al consolidamento delle zone conquistate, situate tra i 20 e i 50 chilometri da Mosul. Sono ancora in corso invece le operazioni per liberare Qaraqosh, città a maggioranza cristiana che prima di essere occupata dallo Stato Islamico aveva 50mila abitanti, quasi tutti fuggiti a Erbil, in Kurdistan, all’arrivo dello Stato Islamico (agosto 2014). E nel capoluogo curdo centinaia di sfollati cristiani di Qaraqosh hanno gioito per le notizie dell’offensiva e si sono riuniti per pregare nella chiesa di Mar Shimon.
Desiderosi di tornare. “Speriamo che le operazioni per la liberazione della città di Mosul procedano in maniera spedita” dice al Sir l’arcivescovo siro-cattolico di Mosul, Kirkuk e Kurdistan, monsignor Petros Mouche che conferma: “peshmerga e militari dell’esercito nazionale stanno avanzando. Sono arrivati a Qaraqosh che non è stata ancora del tutto liberata. Ci sono ancora sacche di resistenza intorno alla città”.
La liberazione di Mosul, spiega, “è un grande segno di speranza. Desideriamo ritornare nelle nostre case e riavere i nostri beni, a Mosul come nei villaggi della Piana di Ninive. Amiamo questa terra e vogliamo testimoniarlo con la nostra presenza ma è necessario che venga garantita la nostra sicurezza e quella degli altri abitanti. È importante vivere in sicurezza con gli altri in rispetto e dignità”.
Mons. Mouche è arcivescovo di Mosul dal 2011 e sa bene che nella città non ci sono più fedeli cristiani. Prima dell’arrivo di Daesh a Mosul vivevano 12mila famiglie siro-cattoliche, altre erano nella Piana di Ninive, a Kirkuk, Bertella e Qaraqosh. Comunità che ben ricordano i loro martiri: monsignor Faraj Rahho, arcivescovo caldeo a Mosul, rapito e ucciso nel 2008; padre Ragheed Ganni ucciso insieme a tre diaconi, dai terroristi, il 3 giugno 2007, poco dopo aver celebrato la messa domenicale nella sua parrocchia di Mosul dedicata al Santo Spirito. Il pensiero dell’arcivescovo siro-cattolico guarda oltre, a dopo la liberazione, quando “la priorità dovrà essere la riconciliazione nazionale. Possibile solo sotto un governo iracheno unito e forte.

Non vogliamo vendette tra i musulmani, sciiti e sunniti, né contro le minoranze. – afferma convinto – non sappiamo cosa vogliono fare del nostro Paese, ma esso deve essere preservato nella sua unità. Vogliamo un Iraq unito dove tutti, sciiti, sunniti, cristiani e credenti di altre fedi vivano insieme nel rispetto e nella tolleranza. Da parte nostra ricercheremo dialogo e riconciliazione con tutti”.
Un appello analogo arriva dal patriarca caldeo e presidente della Conferenza episcopale irachena Louis Raphael Sako che in una nota invita “i cari iracheni” a porre fine
“a tutte le dispute; mettere un freno agli egoismi e agli interessi personali e di una parte. Dobbiamo mettere il bene comune del Paese e di tutti gli iracheni prima e al di sopra di ogni altra cosa”.

Leggi tutto!

Forze irachene verso Mosul. Cristiani pronti a tornare

Decine di raid aerei della coalizione a guida Usa appoggiano l’offensiva su larga scala delle milizie peshmerga e delle forze speciali di Baghdad verso Mosul. Il premier iracheno Abadi ha affermato che le operazioni "procedono più rapidamente del previsto". Mentre da Parigi il ministero degli Esteri iracheno ha definito la battaglia contro il Califfato una guerra mondiale. E per l’omologo francese Ayrault gli scontri sono destinati ad intensificarsi. Ma intanto fra gli sfollati cristiani, fuggiti due anni fa dalla Piana di Ninive, cresce  la speranza di tornare nei propri villaggi, come riferisce al microfono di Marco Guerra, l’inviato del Corriere della Sera ad Erbil, Lorenzo Cremonesi:
Per loro è un po’ la realizzazione di un sogno! Vennero espulsi con la forza, con il terrore, con la violenza nel giugno 2014: veramente, fuga di notte in pigiama! Ricordo ancora quando ero qui a Erbil, li accoglievamo ai posti di blocco, storie incredibili di gente che veniva depredata dai guerriglieri di tutto, letteralmente: degli anelli, delle collane … la gente era veramente spogliata di tutto e arrivava praticamente nuda, qui, nelle zone curde. Quindi per loro è – come dicevo – la realizzazione di un sogno.
Che notizie si hanno delle località ancora sotto il controllo del sedicente Stato Islamico?

Naturalmente, da qui poi c’è la realtà, e la realtà è quella di una terra bruciata, di Paesi devastati, di chiese non solo dissacrate ma spesso trasformate in moschee, se non bruciate; di croci abbattute nei cimiteri, di antichissimi monasteri … qui siamo … è una cosa che forse non è mai ripetuta abbastanza: qui, nella zona di Ninive, a Nordest, siamo nel cuore pulsante della storia del primo cristianesimo, delle prime Chiese cristiane in Medio Oriente! Siamo tra le madri delle grandi Chiese mondiali! Quindi, testimonianze antichissime di un’evangelizzazione veramente dei primi secoli della Storia della Cristianità, e questo loro lo sanno e questa è anche parte del dramma degli intellettuali, dei vescovi, dei Padri della Chiesa, dei sacerdoti locali che vedono un patrimonio di cultura, tradizioni e storie venire devastato se non perduto. E quindi (ne parlavo ieri qui, nel piccolo campo profughi – che poi, la maggioranza dei cristiani in questo momento non è più nei campi ma è in case: qui c’è stata una grande mobilitazione delle Chiese internazionali, delle associazioni cristiane a favore dei correligionari) tra un terzo e la metà dei circa 150 mila cristiani che sono fuggiti, che abitavano tra Mosul e Ninive e che sono fuggiti nelle zone curde, sono partiti. Qui la grande maggioranza spera di tornare alle proprie case.

A tal proposito, la popolazione sfollata come si sta organizzando a rientrare nei suoi villaggi, nelle sue case in queste località?

Sono state create piccole commissioni; io ho parlato con questo padre Paolo Thabit Mekko che è uno dei cristiani, dei latini, del caldei – quindi latino, che fa capo alla Chiesa di Roma – il quale mi ha raccontato che hanno creato delle commissioni, anche qui nella zona di Erbil, che si occupano proprio del ripristino dei villaggi. Loro si rendono conto che i villaggi sono devastati: cioè, non è solo un problema di case, di chiese e di cimiteri e di monasteri; è un problema proprio di abitazioni, di rete elettrica distrutta, di rete idrica, di infrastrutture e quindi ci vogliono soldi, tanti soldi. Che loro non hanno e che però saranno necessari per rendere abitabili questi luoghi.

Sul terreno, cosa sta succedendo, parlando più in generale? Cosa vedi?

Ma la preparazione ormai non c’è più: siamo in piena battaglia. Si passa da momenti di euforia, cioè dichiarazioni altisonanti – “siamo arrivati”, “stiamo entrando” – a invece un realismo molto più sobrio, e cioè ci si rende conto che in realtà ci vorranno mesi: la battaglia vera non è neanche appena incominciata! Stiamo proprio ai preludi. E quindi in questo momento si sta combattendo non a Mosul, ma nei villaggi attorno: si vede, tra l’altro, dove si trova la maggioranza dei villaggi cristiani. Le difficoltà sono enormi, ma le difficoltà cresceranno. Oggi, tra l’altro – questa notte – è incominciata una seconda offensiva, dopo quella lanciata lunedì scorso; offensiva – tra l’altro – che investe due villaggi cristiani, che sono uno Teleskof e un altro Bartalla. Le truppe sono bene addestrate, sono la “Golden Brigade”, la brigata dorata irachena, le truppe scelte mandate da Baghdad, che hanno il compito – almeno loro dicono – di evitare scontri settari: uno dei grossi problemi è questo scontro tra sciiti e sunniti, cioè la popolazione sunnita di Mosul teme sia i peshmerga curdi ma soprattutto le brigate sciite.

Leggi tutto!

I profughi vogliono tornare a Mosul

By Fides

“La gente ricoverata nei campi profughi a Erbil, a Dibaga e Kirkuk è preoccupata: molti e hanno amici e parenti costretti a rimanere a Mosul, ma in molti si sentono sollevati poiché pensano che si potrebbe, con questa nuova avanzata, provare a tornare a casa, anche se non sanno cosa troveranno. Si teme che le case, le attività commerciali, i luoghi di culto siano stati distrutti. Ci sarà molto da lavorare anche dopo tutto questo”: è quanto racconta, in una nota inviata all’Agenzia Fides, Mustafa Jabbar, coordinatore a Erbil della Federazione degli Organismi Cristiani Servizio Internazionale Volontario (FOCSIV), che riunisce 80 Ong operanti in 80 paesi del mondo.
“L'altro ieri – prosegue Jabbar – molti cristiani hanno esultato quando è arrivata la notizia della liberazione di Qaraqosh, luogo dove, prima della guerra, abitava una grande comunità cristiana”. I sentimenti sono altalenanti: “Accanto alla soddisfazione per questa soluzione, che vuole porre fine a un insostenibile stallo, vi è la paura per l'arrivo di tante persone terrorizzate e senza più nulla. Temiamo di non avere la capacità di rispondere adeguatamente alle necessità dei nuovi profughi”. Intanto da Erbil in lontananza si vedono i pozzi petroliferi dati alle fiamme e il fumo dei cannoneggiamenti, “mentre a Kirkuk, più vicina all'area controllata dal Califfato, la situazione è molto tesa”, racconta.
Da due anni la FOCSIV è a fianco degli sfollati nei campi di Erbil, nel villaggio di Dibaga e in quello di Ainkawa2 a Kirkuk. Il lavoro dei volontari è rivolto specialmente ai minori, preoccupandosi di allestire un asilo per i più piccoli, in modo che le madri possano lavorare o frequentare dei corsi di cucito e artigianato. Si organizzano, poi, attività sportive per ragazzi e giovani, accanto a corsi di formazione e di lingua inglese e curda. Ci si occupa, soprattutto, dei più vulnerabili, come le donne con neonati, mentre un'attenzione particolare, recita la nota di FOCSIV giunta a Fides, è rivolta ai disabili, con cure specifiche e medicinali.
L’impegno è parte della campagna “Humanity. Esseri umani con gli esseri umani” per il Medio Oriente, lanciata in occasione del messaggio di pace per la Siria di Papa Francesco, a luglio 2016, per sostenere la campagna di Caritas Internationalis “Syria: Peace is possible”. 

Leggi tutto!

mercoledì, ottobre 19, 2016


Patriarca caldeo: con la liberazione di Mosul, gli irakeni trovino pace e unità

By Asia News
Louis Raphael Sako*

Centinaia di cristiani fuggiti da Qaraqosh, a sud di Mosul, nell’estate del 2014 con l’ascesa dello Stato islamico (SI) hanno festeggiato ieri la liberazione del loro villaggio con canti, balli e messe. La comunità locale, fuggita con i soli vestiti addosso poco più di due anni fa per sfuggire alle violenze jihadiste, ha celebrato i successi militari finora ottenuti dall’esercito. 
La mattina del 18 ottobre una coalizione composta da 30mila uomini, fra soldati irakeni e milizie Peshmerga curde, cui si uniscono forze tribali sunnite, hanno iniziato l’offensiva per la riconquista di Mosul, roccaforte jihadista in Iraq, e della piana di Ninive. Secondo quanto riferiscono fonti militari statunitensi, i combattenti di Daesh [acronimo arabo per lo SI] starebbero usando i civili come scudi umani, mentre i soldati arabi e curdi si avvicinano sempre più alla città. 
A Mosul vi sarebbero ancora almeno 700mila persone intrappolate e impossibilitate a fuggire, ostaggio di 5mila jihadisti che lottano a difesa del loro fortino.
Secondo alcune fonti militari impegnate nell’offensiva la liberazione di Qaraqosh, uno dei più importanti villaggi della piana, 15 km circa a sud di Mosul, non sarebbe ancora completa; diversi jihadisti sarebbero ancora nascosti in alcune case e non intendono abbandonare le armi. Tuttavia, per i cristiani in esilio è già tempo di festeggiamenti (nella foto). 
Sui social vicini alla comunità assiro-caldea in Iraq vengono rilanciate foto e immagini di festeggiamenti, con balli e canti; in questo filmato i festeggiamenti di un gruppo di profughi ospite di un centro di accoglienza a Erbil, nel Kurdistan irakeno. Altri ancora hanno voluto ricordare l’evento con una messa solenne (clicca qui per il video) a livello comunitario. Altre decine di bambini, donne e uomini si sono riuniti a pregare nella chiesa di Mar Shimon, sempre a Erbil. 
Sull’offensiva in atto dell’esercito e il piano di liberazione di Mosul è intervenuto anche il patriarca caldeo mar Louis Raphael Sako, il quale rinnova l’appello all’unità nazionale perché lo sforzo militare abbia successo. “Noi irakeni - ha sottolineato il primate caldeo - siamo un’unica famiglia a dispetto delle diverse affiliazioni”. Che l’offensiva, ha aggiunto, sia il viatico per la nascita di una “democrazia genuina e civile” che sia “rispettosa di tutti”. 
Ecco, di seguito, l’appello di Mar Sako inviato ad AsiaNews:
Appello ai miei cari irakeni, 
come tutti voi ben sapete, in queste ore sono in atto enormi sforzi in previsione della liberazione di Mosul - una delle più importanti e storiche città dell’Iraq - e della piana di Ninive. In questa occasione particolare vorrei rivolgermi, con parole che giungono dal profondo del mio cuore, a tutte le nostre famiglie irakene come fossero una sola; in particolare per quelle che provengono da Ninive, in riferimento alle nostre preoccupazioni e agli interessi comuni e in queste circostante così difficili e fuori dall’ordinario. In special modo, in riferimento alle voci di divisioni, alle posizioni radicali e alle fratture che cominciano ad emergere, che potrebbero anche essere di ostacolo alle operazioni per la liberazione [di Mosul e della piana di Ninive]!
Credo fermamente che tutti noi, in quanto “irakeni”, siamo un’unica famiglia, a dispetto delle nostre diverse affiliazioni. Tuttavia, in queste attuali circostanze la situazione richiede a tutti gli abitanti di Mosul, e ciò vale per tutti gli irakeni, di affrontare una responsabilità storica, nazionale e morale per la costruzione di relazioni interne ed esterne bilanciate ed equilibrate. Dobbiamo evitare di scambiarci accuse e di incolparci. Dobbiamo mettere la parola fine a tutte le dispute; mettere un freno agli egoismi e agli interessi personali e di una parte. Inoltre, dobbiamo mettere il bene comune del Paese e di tutti gli irakeni prima e al di sopra di ogni altra cosa. 
Così facendo, saremo in grado di spianare il cammino verso una reale riconciliazione comunitaria, all’insegna dell’amore, della pace e della liberazione di tutte le terre occupate. In questo modo, tutti noi irakeni, possiamo recuperare un po’ di fiducia e di speranza per una soluzione rapida del nostro annoso dilemma, istituendo una democrazia civile e genuina, rispettosa di tutti in modo pacifico e civile. 
Questo è il solo e unico modo per una piena ripresa del nostro Paese. 
Al contempo, rivolgo un pressante appello alla comunità internazionale perché intraprenda iniziative concrete affinché l’Iraq e l’intera regione [mediorientale] possano ritrovare la loro sicurezza e la loro pace. Un successo di questa portata sarebbe davvero un trionfo per tutti e di beneficio per l’intera comunità internazionale. 
In conclusione, vorrei rivolgere una preghiera: Che Dio ci protegga, allevi le nostre sofferenze, preservi la purezza della nostra umanità e vegli sull’unità del nostro amato Paese. 

* Patriarca di Babilonia dei Caldei e presidente della Conferenza episcopale irakena

October 12, 2016

Appeal to the beloved Iraqis

Leggi tutto!

Irak: Les chrétiens de Qaraqosh fêtent la libération de leur ville

By Cath.Ch (Suisse)
Jacques Berset

Les djihadistes sunnites de Daech, l’acronyme arabe de l’Etat islamique, s’étaient emparés des agglomérations chrétiennes de la Plaine de Ninive dans la nuit du 6 au 7 août 2014, jetant sur les routes de l’exil quelque 50’000 chrétiens fuyant les exactions des terroristes.
Lancée le lundi 17 octobre, l’opération de libération de Mossoul, la deuxième ville d’Irak, encore sous l’emprise de Daech, se poursuit. Elle est menée par quelque 30’000 soldats de l’armée irakienne, des milices chiites et sunnites et plusieurs milliers de peshmergas kurdes.
Mercredi 19 octobre, les forces irakiennes, entrées la veille dans plusieurs quartiers de Qaraqosh, se heurtaient toujours à la résistance de djihadistes retranchés dans les maisons.

Destruction systématique du patrimoine religieux et culturel

Depuis que la ville de Mossoul est tombée dans les mains de l’Etat islamique en juin 2014, le groupe terroriste s’est attaché à détruire le patrimoine architectural de la ville irakienne, visant non seulement de nombreuses églises et monastères chrétiens, mais également d’autres sites de pèlerinage musulmans ainsi des vestiges archéologiques et des monuments assyriens. Avant la guerre d’Irak de 2003, la ville de Mossoul, où cohabitaient aux côtés d’une majorité sunnite des minorités, chrétiennes, shabaks, kurdes, assyriennes, arméniennes et turkmènes, comptait plus de quarante églises et monastères.

Plaidoyer pour la réconciliation entre les communautés déchirées

Saluant les efforts en vue de la libération de Mossoul –”une des villes historiques les plus  importantes de l’Irak” – et de la Plaine de Ninive, Mgr Louis Raphael Sako, patriarche de Babylone des Chaldéens et  président de la Conférence épiscopale catholique irakienne, a lancé un appel solennel à la réconciliation des Irakiens. Ils forment “une unique famille”, malgré leurs différentes affiliations, a-t-il souligné dans son message.
Le patriarche chaldéen a encore demandé d’éviter les voix de la division, les positions radicales et les fractures qui commencent à émerger. Il a finalement exhorté ses compatriotes à “aplanir le chemin vers une réconciliation communautaire authentique, sous le signe de l’amour, de la paix et de la libération de toutes les terres occupées”.
Les minorités chrétiennes, yézidies et shabaks, qui ont été persécutées par Daech dans la ville de Mossoul et dans les villages de la Plaine de Ninive et des régions prises par les djihadistes, ne sont pas rassurées. Elles se méfient désormais de leurs voisins sunnites, qui ont parfois participé à leur éviction de leurs maisons.

“Beaucoup de nos voisins ont été des sympathisants de Daech”

Entre les communautés, une cassure s’est faite. “Beaucoup de nos voisins ont été eux-mêmes des membres ou des sympathisants de Daech, qui ont démoli des églises, des maisons, des symboles religieux et sociaux de la région, que ce soit dans les villes chrétiennes ou dans la ville même de Mossoul”, relève sur les ondes de Radio Vatican Mgr Georges Casmoussa, ancien archevêque syriaque-catholique de Mossoul, et lui-même originaire de la ville de Qaraqosh.
Pour l’archevêque émérite, il ne sera pas facile de vivre pacifiquement entre les communautés alors que les blessures sont encore fraîches. Il faudra du temps, des garanties et des mesures du gouvernement central à Bagdad pour éviter l’ingérence et la mainmise d’un groupe sur les autres, et créer les bases de la convivialité entre toutes les communautés. Mgr Casmoussa met également en garde contre l’ingérence de pays voisins qui restent en arrière-plan, mais qui tirent les ficelles.

Attention aux ingérences étrangères

Il faut que la communauté internationale comprenne, ajoute-t-il, qu’il n’y aura pas d’équilibre possible à l’intérieur de l’Irak sans maîtriser la mainmise politique des voisins du Nord, de l’Est ou du Sud.
L’archevêque émérite de Mossoul plaide pour que le pays sorte de l’esprit de majorité/minorités, afin de considérer les Irakiens en tant que citoyens d’un même pays. “A partir de ce moment-là, on pourra construire une société qui se respecte, car le premier principe doit être le respect de l’autre, de ses traditions, de sa culture, de son entité. La différenciation des cultures, même des religions, ne doit pas être un obstacle pour la convivialité des citoyens. Il faut bannir absolument la suprématie d’une religion sur d’autres!”

Leggi tutto!

This page is powered by Blogger. Isn't yours?